Si salvi chi può…

si salvi2

17^g: DRINK TEAM-REAL BOLOGNA 4-4 (p.t.3-2) (GIOV 13/4 Cavina ore 22)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Luca, Michi, Melo, Mike, Nic, Max, Diego
Assenti: Trofeo e Andrea (ferie), Anto
Marcatori: rig.Mike, DRINK, Melo, DRINK, DRINK, Mike, DRINK, Matteo
..

Turno prepasquale che è il penultimo atto (o terz’ultimo???) di questo campionato dai 2 volti per il Real: 3 punti nel girone d’andata e 13 nel ritorno, che potrebbero diventare 16 in caso di vittoria contro i Gunners il 24 aprile. Ma la domanda è: con quali giocatori andiamo in campo il 24 aprile?!?

Per battere il Drink Team sapevamo di dover limitare il loro uomo di punta, l’ormai straconosciuto (da noi) Carlos Turrini. Alla fine segnerà 4 pere ma son dettagli: a fine match io ho sentito dire che “comunque l’abbiamo tenuto bene”.

Pesantissime le assenze di Andrea e Trofeo, recuperiamo in extremis Michi (che ottiene di rimandare la partenza per casa sua) e Capitan Max (che falsifica il referto dell’Isokinetic e rientra dopo 4 turni di assenza). Anche Luke e Diego convocati per dare linfa alla squadra. C’è bisogno di tutti, anche per pochi minuti! Così, quando dopo 2 minuti di gioco Luke si ricorda di essersi dimenticato i parastinchi, MisterNic entra prontamente. Lungo linea per Mike che salta il diretto avversario, entra in area da sinistra e viene falciato da dietro. Rigore netto! I compagni lo spingono sul dischetto a forza e lui non si fa pregare e tira giù la porta col suo mancino (0-1). Nemmeno il tempo di esultare che pareggiano: cross dalla destra leggermente deviato, palla che arriva sulla sinistra, Turrini al volo e gol. 1-1 e doccia non fredda ma di più. Ma con un’azione davvero pregevole sulla destra sull’asse Melo-Mike, quest’ultimo chiude un fantastico triangolo con Antonio18! che spara dal limite e fa un gran gol. Real di nuovo avanti 1-2!

Non riusciamo a fare il terzo ma giochiamo bene. Corner per noi e gol. Del pari loro. Ancora Turrini (2-2). Improperi di varia natura alternati a bestemmie in varie lingue provenienti dalla panchina Real in barba alla Pasqua e a tutti i santi. Solito sedativo per Nic, mentre pazienza Paolo si limita a dire: “dai che non finisce qui!”. Infatti non è finita qui. Su lancio dalle retrovie verso il n.10 del Drink, quello stoppa a seguire e vediamo la palla nel sacco. “Comunque l’abbiamo tenuto bene”. Comunque 3-2. In 4 minuti tutto ribaltato ed iniziamo ad intravedere la composizione del girone Iron dell’anno prossimo. Intervallo.

Ripresa con Diego subito per Michi. Il nostro 15 da centrocampo tenta il gol dell’anno, ma la palla esce davvero di un soffio a portiere battuto. Ginone continua a tenerci in partita con parate su tiri potenti, sia ravvicinati che da fuori area. Dobbiamo assolutamente pareggiare. Come non si sa. Ce la stiamo mettendo tutta. Il Conte Max dà il cambio a Mike in attacco per alcuni minuti, quel tanto che basta per recuperare le energie e ascoltare i consigli di Mister Paolo (“devi far gioco, fare a sportellate là davanti e anche far gol”), rientrare, abbattere l’ultimo difensore e sparare in porta con un gran destro. 3-3 e palla al centro tra le proteste reiterate dei giallo-neri per un presunto fallo del nostro puntero di sfondamento che nessuno di noi vede.

Cuore oltre l’ostacolo per provare a vincerla. Ma il Drink Team ha uno dei migliori attacchi del torneo e appena può castiga, come quando Manzi prima opera un buon recupero e poi lascia lì la palla sulla tre-quarti…2 passaggi e ancora pera indovinate di chi…(4-3).

Situazione disperata. I mister si inventano un 2-3-1 con Luke e Matteo dietro, Mike e Michi sulle fasce e Diego di punta. Non ce ne frega assolutamente niente se questa mossa ha aiutato oppure no. Fatto sta che abbiamo 2 gran palle quadrate, spingiamo disperatamente e su corner di Diego la palla passa attraverso una selva di gambe e Matteo in mischia da 2 passi è il più reattivo e la butta dentro. 4-4!

Siamo già nel recupero e non c’è tempo per provarci ancora: quando Luke sta per calciare di sinistro dal limite (chissà poi dove andava, magari ci abbiam guadagnato un pallone!) arriva il triplice fischio finale del direttore di gara che, seppur pignolo oltre il limite delle possibilità umane, non ha arbitrato male.

Davvero bravi tutti perché questa partita, anche per le assenze, era pienissima di insidie e se nel primo tempo potevamo gestirla meglio, nella ripresa potevamo soprattutto perderla. Prendiamoci questo punto che, alla luce della sconfitta dei Supergame contro Sao Paulaner, ci dà ancora una piccolissima possibilità di arrivare al playout (fare più punti dei Supergame nell’ultimo match della stagione regolare che loro giocheranno contro il Croce Coperta).

Cerchiamo di raccattare 7-8 persone per andare in campo il 24 contro i Gunners, che si giocano i playoff e lotteranno alla morte. Noi pure. Il resto, con due occhi al campo e un orecchio alla radiolina, si vedrà.

Nic

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Fino alla fine

finoallafine.jpg

16^g: REAL BOLOGNA-12W 2-0 (p.t.1-0) (GIO 6/4 Cavina ore 22)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Michi, Trofeo, Melo, Andrea, Nic
Assenti: Max (caviglia, 2-3 settimane), Mike (lavoro), Anto
Marcatori: Andrea, Michi
..

E’ l’ultima spiaggia. O forse siamo già in mare aperto. Le assenze largamente preventivate di Max e Mike non vengono compensate. Del resto giochiamo contro la terza in classifica ed è ben noto che abbiamo una grande condizione e tenuta atletica, quindi…fiducia alla vecchia guardia. Loro sono 7. Noi siamo 7 più Nic, quindi 7.

Ginone, quando viene sapere che la partita precedente è in ritardo di mezz’ora sull’orario indicato sul calendario (il nostro calendario), fa finta di non vedere Manzi che si scalda in campo dalle 17,30 e propone una pizzata alle Due Lune e un post cena al Carosello. Nessuno lo caga. Insomma tutto normale.

Il buon panterone, dopo una mezz’oretta di cazzeggio, si degna di posizionarsi tra i pali e il suo riscaldamento si concretizza con 34 gol subiti in 33 tiri ed una ferita lacero-contusa al quadricipite femorale quando tenta invano di colpire al volo un cross di Trofeo.

Finalmente si inizia a far sul serio e per fortuna nostra i ritmi non sembrano vertiginosi. Il Real parte con grande ordine tattico e arriva al gol con una mega giocata di Andrea che riceve un passaggio di Melo, si porta avanti la palla col tacco in area eludendo l’intervento di un difensore giallo-rosso e con un mancino a girare la mette nell’angolo lontano. Davvero gran pera! E 1-0 per noi!

Dopo una decina di minuti caliamo di intensità ed iniziamo a subire un po’ l’iniziativa dei 12W. Rimaniamo molto ordinati, anche se qualcosa concediamo. In diverse occasioni è Ginone che ci mette una pezza con parate che nessuno si aspetterebbe dall’ottuagenario che era in porta nel pre-partita. Andrea, Melo e Trofeo arrivano al tiro, ma senza fortuna. In qualche modo arriviamo all’intervallo e Manzi supplica mister Paolo di tenerlo giù altri 2-3 minuti.

Il secondo tempo è ancor più faticoso del primo per noi. Passiamo lunghissimi minuti all’interno della nostra metà campo e interminabili secondi nella nostra area di rigore, ma tra un palo, 2 occasioni sciupate da loro sottoporta e altri 2-3 decisivi interventi di Ginone rimaniamo avanti. In mezzo a tutto ciò Michi, defilato sulla sinistra, colpisce al volo un lancio dalle retrovie e con un pallonetto insacca la boccia sotto l’incrocio (2-0). Sì, avete capito bene, un gol pazzesco che fa sgranare gli occhi a Paolo e alla panchina tutta perfettamente in linea con la traiettoria del tiro. Negli ultimi minuti è quasi un assedio, i contropiedi sono pochissimi e mal sfruttati, del resto siamo davvero sulle gambe! Ma il fortino regge e finisce così, col più classico dei punteggi del calcio. Rarissimo invece nel calcio a 7 e quasi unico per il Real, con Ginone che non terminava una partita senza subire gol dal novembre del 1925.

Tre bei puntoni che…serviranno??? A fine match si apprende che il Supergame ha perso 3-2 col Real Spaventapassere e che quindi siamo ancora attaccati ad un filo. Filo che rischia però di spezzarsi presto perché il 13 e il 24 avremo molte assenze e le nostre richieste di spostare entrambe le partite sono come al solito andate a vuoto.

Serve un’impresa.

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Occhio malocchio

si salvi chi può

15^g: SUPERGAME-REAL BOLOGNA 5-2 (p.t.2-0) (GIO 29/3 Nettuno ore 21)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Nic, Michi, Trofeo, Andrea, Luke (part time)
Assenti: Max (caviglia, 2-3 settimane), Melo e Mike (impegni familiari), Anto
Marcatori: SUP, SUP, Trofeo, SUP, Andrea, SUP, SUP
..

Lo scontro diretto playout con i modesti Supergame è una partita abbordabile sulla carta che è diventata sempre più proibitiva ancor prima di cominciarla. Alle defezioni preannunciate di Melo e Mike, di Max (storica) e di Anto (vabbè preistorica questa), si aggiungono le indisponibilità di tutti i saltuari (l’ultimo in ordine di tempo è Matteopunta, che riesce a farsi male giocando la sera prima con l’altra sua squadra), fatta eccezione per il buon Nic, che ha 8 minuti nelle gambe, e il generosissimo Luke, che come promesso arriva a dargli il cambio a metà gara dopo allenamento, dopo essersi tolto i guanti del Fossolo e dopo aver preso 3 multe in 9 km di tangenziale.

Nel prepartita alle defezioni degli assenti oggi si aggiungono quelle dei presenti oggi che mancheranno però il 13 e il 24. Paolo estrae prontamente una calcolatrice e stima che stasera basta fare 9 punti per centrare i playout.

Nonostante ciò non è il morale ad essere giù (del resto sfido a trovare qualcuno nel Real sufficientemente sveglio per fare un’addizione a 2 cifre), anzi Michi si ostina a dire che farà doppietta facendo ridere anche e soprattutto gli sconosciuti che incontra.

Con queste premesse dobbiamo dare il massimo e non sbagliare niente. I rossi corrono. Noi reggiamo partendo benino, ma a parte un palo esterno di Trofeo che pareva gol su azione personale non abbiamo grandissime occasioni. Loro nemmeno, ma alla prima sortita segnano sfruttando qualche maglia blu troppo larga (1-0). Abbiamo occasioni per pareggiare, ma non siamo incisivi e al minuto 20 il piccolo 69 trova una pera assurda con una girata al volo da fuori area che obiettivamente non ci aspettavamo e che ci uccide (2-0). Finalmente arriva Luca a dar grinta e man forte e creare un po’ di scompiglio, ma siamo già all’intervallo.

Non c’è molto da cambiare oggi, continuiamo a patire il ritmo più alto dei cinni del Supergame e in particolare del piccoletto. Per fortuna loro pisciano parecchio e su un errore loro Andrea cede lateralmente a Trofeo che di esterno riapre la partita (2-1). Purtroppo 86 raccomandazioni dei mister da settembre ad oggi di mettere un uomo sul palo nelle punizioni da vicino non sono bastate e su punizione dal limite, appunto, arriva la rasoiata a fil di palo che ci ammazza di nuovo (3-1). Abbiamo 2 vite e risorgiamo, ancora con Trofeo e Andrea, stavolta a ruoli invertiti: il n°10 serve il nostro bomberino in mezzo all’area ed è 3-2. Siamo ancora in vita, Gino blocca un tiro ravvicinato non so neanche come. Le occasioni le abbiamo, ma non segniamo e continuiamo a soffrire il gap atletico senza far valere la nostra esperienza. Appena allentiamo un attimo arrivano altri 2 gol che ci spalancano le porte dell’Iron.

Partita sfortunata (2 pali, tiri fuori di un soffio) che poteva avere tutt’altro risultato, ma con una squadra così ridotta all’osso era difficile fare molto meglio. Poco da rimproverarsi e guardare avanti, alle ultime 3 gare che sono difficilissime e sappiamo tutti perché, ma dobbiamo crederci fino alla fine!

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Sono io il bomber!

bomber

14^g: REAL BOLOGNA-SAO PAULANER 6-2 (p.t.2-2) (GIO 22/3 Cavina ore 22)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Mike, Melo, Trofeo, Andrea, Michi, Nic
Assenti: Anto, Max (caviglia, 2-3 settimane)
Marcatori: SAO, Andrea, SAO, Andrea, Michi, Michi, Andrea, Andrea
..

Impennata d’orgoglio del Real, che evidentemente crede ancora a questa salvezza. Una partita da dentro o fuori. Nonostante il brillante girone di andata siamo ancora in corsa, ma già dal prepartita arrivano pessime notizie per le numerose defezioni nelle prossime gare.

Ma intanto pensiamo a questa di partita e siamo tutti carichi, perfino Michi, che prendiamo per il culo ripetutamente perché si ostina a dire che oggi farà doppietta e altre cazzate varie. Nell’ormai consueto riscaldamento fare il torello piace soprattutto a Manzi, anche se di norma siamo girati di fronte alla palla.

Dopo 5 minuti al primo tiro in porta i nero-verdi segnano, anzi al secondo, perché il primo incoccia il palo e torna in campo, ma è questione di 2 secondi, no problem (0-1). Non ci scomponiamo più di tanto, siamo abituati. Trofeo viene a prendere la palla da dietro, si inventa un gran filtrante di esterno per Andrea, che si libera in area e fa 1-1. Esultiamo il giusto, perché poco dopo Matteo e Ginone (che non sanno palleggiare da soli, figuriamoci in 2) si passano il pallone con grande disinvoltura…2-1 per loro e madonne in panchina degne dei peggiori bar di Casteldebole e San Ruffillo.

Ma per fortuna oggi c’è un grande Michi, che appena entrato in campo va via sulla destra e serve al limite dell’area Andrea, che stoppa a seguire ed inventa un sinistro a giro nel sette di rara bellezza. Applausi e 2-2.

Ce la possiamo fare perché i Sao Paulaner non sembrano gli indemoniati dell’andata. O forse siamo noi che siamo più cattivi. Anche il gatto di Avellino pare in forma con un paio di parate non facili.

Ripresa. Paolo intuisce che Michi ha già voglia di tornare in panca, ma purtroppo non fa in tempo a cambiarlo. Nic imbecca lo stesso Michi, che dribbla secco un uomo al limite dell’area e trafigge il portiere tra l’incredulità dei più scettici (3-2). Quando poco dopo Andrea (o Trofeo?) fa un gran assist per Michi che da due passi la butta dentro di nuovo e fa doppietta si sente vociferare “Eh ma io l’avevo detto…”. Finalmente riusciamo a sostituire Michi, che mentre il Real cerca di amministrare il doppio vantaggio ci spiega come è possibile avere 30 anni, giocare come uno di 40 e sentirsene 50.

Il Real si difende come sa e tenta di colpire in contropiede. Andrea spreca un’occasione, ma segna ancora con un gran mancino in acrobazia che sorprende difesa e portiere del Sao Paulaner, poi cala addirittura il poker, affossando ancora di più gli ormai depressi birraioli. Standing ovation per il numero 4 del Real che scopriamo finalmente bomber!

Schermaglie finali con Trofeo che ruba una punizione a Mike e Mike che sul 6-2 cerca di rubare una gamba al diretto avversario con un simpatico fallo in memoria del nostro buon vecchio Zar, fallo il cui movente è ancora al vaglio degli inquirenti. Di certo c’è che il 69enne direttore di gara prima lo ammonisce ingrugnito, poi a fine gara fa i complimenti a Mike e a tutti noi perché “a calcio si gioca fino alla fine!”. Esperienza…

E mentre il Real sogna ancora il playout, il buon Michi sogna di avere 4 anni in più per poter fare l’over35.

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Peccato

portiere.jpg

13^g: REAL BOLOGNA-REAL SPAVENTAPASSERE 2-3 (p.t.0-2) (LUN 13/3 Castelmaggiore ore 22)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Michi, Melo, Trofeo,  Mike, Nic, MatteoC
Assenti: Anto, Andrea, Max
Marcatori: SPAV, SPAV, Mike, SPAV, MatteoC
Note: a fine match Ginone ha chiesto al suo idolo Sciscio l’autografo, offrendogli comunque qualcosa in cambio.
..
L’impresa di fermare la capolista non riesce ad un Real tosto come non si vedeva da un bel po’. Lo spauracchio Sciscio si manifesta solo a 5 minuti dal termine, quando brucia (unica volta del match direi) l’ottimo Matte, migliore in campo CSI a testimonianza che quest’anno davvero senza il buon Ventura a Villa Pallavicini non si campana più una cippa, e segna il 3-1 che mette in cassaforte il risultato. Ma andiamo con ordine, che se i lettori del blog sono lucidi come i blues in campo poi non ci capiscono niente.
Pronti via e incredibilmente il Real tiene botta e non subisce gol all’inizio. Non dico che si gioca alla pari, ma quasi. La partita è maschia, loro si lamentano che giochiamo duro e l’arbitro fatica a tenere le redini del match. Andiamo comunque sotto 2-0 prima dell’intervallo (il secondo gol è una punizione a voragine che saluta la barriera e si insacca sul palo coperto) e comprendiamo così come faccia lo Spaventapassere ad avere uno score di 11 vinte e 1 pareggiata fino ad ora.
Nella ripresa stiamo sul pezzo e Mike con un siluro su punizione ci tiene ampiamente in partita. Loro continuano la loro patetica sceneggiata napoletana con l’arbitro e con noi. Noi lottiamo su ogni pallone che se avessimo fatto così dalla prima giornata non saremmo certo penultimi. Ginone con 2 o 3 bambini ci tiene ancora attaccati alla partita e Trofeo con 2 punizioni ci mostra quel che è capace di fare quando è in vena (il portiere la smanaccia dall’incrocio) e quando non lo è (palombella in piccionaia).
Tentiamo il tutto per tutto e lasciamo il fianco al bomber avversario che ci castiga, come detto, con un rasoterra dal limite che chiude la gara. No. Il Real non è d’accordo. RickyTrofeo (benedetto il suo acquisto a gennaio) spara ancora e trova il culo di MatteoC, che indirizza la sfera sul palo e poi in rete (2-3). Manca pochissimo, il Real tenta l’arrembaggio ma finisce così, con la consapevolezza che era veramente difficile fare di più e che, giocando così la salvezza è durissima ma ancora possibile.
Nic
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Poco da fare

rete_palloni

12^g: CROCE COPERTA-REAL BOLOGNA 6-2 (p.t.3-0) (LUN 6/3 Riale ore 22)

Convocati: Luca, Manzi, Matteo, Mike, Melo, Trofeo, Andrea, Michi, Max, Nic n.e.
Assenti: Anto, Gino
Marcatori: 6CROCE COPERTA, Andrea, Trofeo
..

Che sarebbe stata dura lo si sapeva, che gli avversari avrebbero convocato giocatori extra di chissà quali categorie (almeno così abbiamo sentito dire e ci piace pensare che sia così e ci va bene così) no. Noi comunque avevamo in programma l’ospitata del Sig. Luca Naldi, che però stavolta non è riuscito a farce stare sotto il set di gol di presi. Non c’è partita, o almeno ce n’è fino al primo gol al decimo minuto: un attaccante del Croce Coperta sfugge via al Conte, che nell’occasione si fa pure male alla caviglia ahinoi (uscita dal campo e fine stagione a rischio), e a tu per tu con Luke non ha pietà. Poi salita proibitiva. 2 gol entro l’intervallo e 3 nella ripresa. Solo nel finale loro allentano e prima Andrea e poi Trofeo con un missile nel sette rendono più accettabile una sconfitta netta, nonostante la prestazione non sia stata disastrosa. Ma l’avversario stavolta era troppo forte. Forza e coraggio.

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Una rondine non fa primavera. E due???

rondini.jpg

11^g: REAL BOLOGNA-ZEROCINQUANTUNO 5-1 (p.t.1-1) (LUN 27/2 Cavina ore 21)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Mike, Melo, Trofeo, Andrea, Michi, Max, Nic n.e.
Assenti: Anto
Marcatori: Mike, ZEROCINQUANTUNO, Andrea, Andrea, Matteo, Andrea
..
Ci stiamo lentamente riprendendo? Bah, presto per dirlo. Intanto allontaniamo l’ultimo posto e con questi 3 punti prendiamo anche un altro po’ di morale, che visto come è andata finora l’annata non è male…
Al nostro arrivo al campo (il Cavina, qual è pure che non mi ricordo???) ci accorgiamo che gli avversari sono amici di Manzi. Ciò ci allieta perchè vuol dire che sono scarsi.
In realtà non sono molto più scarsi di noi, visto che dal minuto 5 della ripresa (punteggio 1-1) la traversa di Ginone è ancora lì che trema e noi sembravamo aver già finito ampiamente la broda.
Ci aveva pensato Mike a sbloccarla all’inizio con un poderoso rasoterra mancino dal limite senza un metro di rincorsa (1-0). La nostra incapacità di chiudere il match si evidenzia col passare dei minuti e in panca gli sbadigli pian piano si trasformano in inquietudini. La preoccupazione principale di Michi è invece chi sta giocando nel posticipo serale di A. Lo calmiamo supplicandolo di entrare (riusciamo a convincerlo dicendogli che tanto il tempo sta per finire). Inversamente proporzionale è (per fortuna) la voglia di entrare del Conte, che finalmente rivede il campo dopo il lungo stop e dopo aver fatto in 10 giorni più allenamenti lui che tutta la squadra in 1 anno intero. Doccia gelata quando un tiro dal limite si insacca sul primo palo con Gino che può solo raccoglierla nel sacco. 1-1, intervallo e consapevolezza che avanti così la perdiamo.
Dopo la paura per la traversa di cui sopra, il Real inizia a comprendere che se vuole almeno una dico una speranza di centrare i playout deve 1) scrollarsi di dosso sta paura, 2) sedare Nic, 3) tirare fuori gli zebedei. E cosi fa. Numerosi sono i tiri di Trofeo, Andrea, Melo, Mike (palo clamoroso di destro) che sfiorano il gol di un soffio. La boccia non vuole entrare. Finalmente, dopo qualche libera concessione della retroguardia nero-arancio, ci riesce Andrea con un sinistro sottomisura che ci porta avanti a 10 dal termine. Il Real lì si sblocca ed è lo stesso numero 4 che si autoproclama bomber con altri 2 gol (il 3-1 che affossa definitivamente lo 051 e il 5-1 che precede il fischio finale) e secondo tradizione si porta a casa l’orrendo pallone. In mezzo un gollonzo di Matteo (su tiro credo di Melo) che è stato talmente improbabile che quasi quasi lo assegniamo per sbaglio a MatteoC.
Bravi tutti, ma bisogna continuare a risalire e pazienza se lunedì ci sarà il fortissimo Croce Coperta…
Nic
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Alzati e cammina

megliotardi

10^g: ASG GELATERIA GIANNI-REAL BOLOGNA 3-5 (p.t.0-3) (LUN 20/2 Torreverde ore 21)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Mike, Melo, Trofeo, Andrea, Giorgio, Michi, Nic n.e.
Assenti: Anto, Max (influenza)
Marcatori: Trofeo, Trofeo, Andrea, GG, Melo, GG, Manzi, GG
Note: una nebbia che esiste solo a Castelmaggiore non ci ha fatto vedere la vittoria fino all’ultimo
..
Mettiamo subito in vetrina il nostro colpo del mercato di gennaio, la vecchia ma non troppo conoscenza Ricky Trofeo, che con 2 tiri da fuori da urlo ci porta avanti 2-0 sorprendentemente dopo un quarto d’ora. Tutta la squadra trova giovamento da questa boccata di ossigeno. L’ottimo Andre fa tris prima dell’intervallo.
Loro corrono come indemoniati a tratti, non mollano un cazzo. Noi soffriamo, ma teniamo da qui alla fine sempre almeno 2 gol di vantaggio grazie ai bei gol di Melo (sinistro al volo sotto misura su corner) e Manzi (in licenza di uccidere butta dentro di petto un cross pennellato da Trofeo). Fischio finale liberatorio in una cornice di nebbia ancora fitta…
Nic
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Tunnel infinito

tunnel

9^g: GUNNERS-REAL BOLOGNA 4-1 (p.t.2-0) (LUN 13/2 Castelmaggiore ore 22)

Convocati: Gino, Giorgio, Matteo, Mike, Michi, Melo, Andrea, Matteo, Nic
Assenti: Anto, Max e Manzi (influenza), Trofeo
Marcatori: 3 GUNNERS, Matteo, GUNNERS
..
Riusciamo a far fare bella figura a cani e porci. Le difficoltà le conosciamo tutti bene. Non siamo questi, ma è ora di dimostrarlo. Aprile è qui che arriva.
Nic
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

E’ che manca il modulo giusto…

cazzo-succede

8^g: REAL BOLOGNA-DRINK TEAM 5-6 (p.t.2-4) (LUN 12/12 Savena ore 22) 

Convocati: Gino, Nic, Matteo, Mike, Melo, Andrea, MatteoC, Diego, Manzi
Assenti: Anto, Michi (ferie), Giuseppe (lavoro, stagione finita)
Marcatori: DRINK, Mike, DRINK, Melo, DRINK, DRINK, Melo, DRINK, MatteoC, DRINK, Andrea
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Sempre buio

buio

7^g: 12W-REAL BOLOGNA 5-3 (p.t.3-2) (LUN 5/12 Nettuno ore 22)

Convocati: Gino, Giorgio, Matteo, Mike, Michi, Melo,Andrea, Diego, Manzi, Massi, Nic n.e.
Assenti: Anto, Giuseppe (lavoro, stagione finita)
Marcatori: Mike, 12W, 12W, Diego, 12W, 12W, 12W, Andrea
In ripresa. Ma non ci siamo ancora. Nemmeno i giornalisti…
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Buio

buio

6^g: REAL BOLOGNA-SUPERGAME 1-3 (p.t.1-1) (MERC 30/11 Cavina ore 22)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Michi, Melo, Giuseppe, Andrea, Massi, Nic
Assenti: Anto, Mike (impegni familiari)
Marcatori: Andrea, SUPERGAME,  SUPERGAME,  SUPERGAME
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Annata maledetta?

annata-maledetta

5^g: SAO PAULANER-REAL BOLOGNA 5-2 (p.t.2-1) (LUN 21/11 Nettuno ore 22)

Convocati: Manzi, Giorgio, Matteo, Mike, Michi, Andrea, MatteoC, Massi, Nic
Assenti: Anto, Giuseppe, Melo, Gino (impegni familiari)
Marcatori: SAO, Michi, SAO, Mike, SAO, SAO, SAO
..

Gufi e bookmakers puntano il dito sulla presunta annata storta del Real e sulle possibilità di trovare nei blues una candidata per la retrocessione. Gli ingredienti per pensar male ci sono tutti: la nostra età media che comincia ad essere il doppio dell’età media delle altre squadre, il rientro in campo di mister Nic, il costante rinvio del rientro di Anto, le dimensioni dei campi (piccolo quando lo vorremmo grande, grande quando lo vorremmo piccolo), il problema dei parcheggi, ecc…

Ma più che altro in una partita che era alla nostra portata perdiamo in un colpo solo, oltre al killer, Giuseppe, Melo e il buon Ginone. Per fortuna rispondono presenti l’esordiente Matteopunta (non sappiamo ancora come soprannominarlo) e Giorgio, da considerarsi ormai un veterano per come ha giocato all’esordio 3 settimane fa (o almeno così mi dicono). Indisponibile Luca, accetta il buon Manzi di vestire i guanti bucati messi a disposizione dalla Società. E farà la sua porca figura.

La supremazia dei giovanotti del Sao Paulaner si riassume con un primo tempo di lieve sofferenza per noi, durante il quale comunque teniamo: al loro vantaggio iniziale replica Michi con una rasoiata di prima intenzione da fuori area, poi loro fanno il 2-1 e noi stiamo lì fino alla fine, trovando pochi spiragli per offendere ma concedendo il giusto.

Nella ripresa continuiamo a combattere e, su una bella combinazione Michi-Matteopunta-Mike, il nostro terzino con licenza di uccidere la spara dentro col suo mancino (2-2). Siamo pienamente in partita e pensiamo anche di poterla ribaltare. Ma poco dopo si fa male Andrea (riacutizzarsi del vecchio fastidio alla gamba) e con la sua sostituzione perdiamo altra corsa e peso offensivo, mentre i birraioli se ne infischiano e continuano a spingere sull’acceleratore (e anche ad innervosirsi per l’andamento del match). Le occasioni per loro però iniziano a diventare tante (mentre noi ci limitiamo quasi solo a difendere) e quando Mike lì in mezzo alza bandiera bianca per un colpo subito, capiamo di aver perso uno dei nostri guerriglieri più furenti.

A circa 5 minuti dal termine la nostra resistenza crolla: passaggio filtrante sulla sinistra, tiro ravvicinato e Manzi stavolta nulla può (3-2). Il tempo per rimediare ci sarebbe, eccome, ma non abbiamo gamba per provarci. In sette contati a quel punto possiamo solo cercare di stare in partita il più a lungo possibile, ma in evidente affanno atletico non possiamo che incassarne altri 2, per un risultato finale che non si può nemmeno dire troppo largo, considerando quel che si è visto in campo soprattutto nella ripresa.

La terza sconfitta di fila è pesa da digerire, ma non deve disunirci. Recuperando qualche uomo sappiamo che potremo giocarcela con quasi tutte le squadre del girone, quindi gambe in spalla e testa a mercoledì prossimo: il match contro Supergame avrà il sapore di uno scontro salvezza all’ultimo sangue!

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Tanto a poco

tanto-a-poco

4^g: REAL SPAVENTAPASSERE-REAL BOLOGNA 9-1 (p.t.4-1) (MERC 16/11 Savena ore 22)

Convocati: Gino, Massi, Matteo, Nic, Melo, Andrea, Mike, Manzi, Michi
Assenti: Anto, Giuseppe (impegni casalinghi)
Marcatori: 3 SPAVENTAPASSERE, Mike, 6 SPAVENTAPASSERE
..
Poco da dire, il Real Spaventapassere si è dimostrata squadra di un’altra categoria. Cambi di gioco, possesso palla, pressing, solidità difensiva, ottime individualità, fucilate dalla porta dello spogliatoio quasi sempre tra i pali della porta del Real e spesso in fondo al sacco (e per fortuna che Ginone ha limitato i danni). Il tutto intervallato dal gol di Mike, su bell’assist di Melo, che sottomisura accorciava le distanze al 15° del primo tempo (3-1). Poi tanto Real, ma non il nostro. Non c’è modulo che tenga, troppo veloci, di testa e di gambe, sti ragazzotti. Verrebbe da chiedersi che cazzo ci fanno in Silver ma vabbè…
Auguri a mister Paolo che -giustamente- non ha voluto festeggiare i suoi XX anni con una decina di pere sul groppone e adesso guardare subito avanti, a partite più abbordabili per noi, a cominciare da quella di lunedì contro Sao Paulaner.
E’ il momento di stringere i denti. Forza e coraggio!
Nic
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Rovescio

rovescio

3^g: REAL BOLOGNA-CROCE COPERTA 2-6 (p.t.0-3) (MERC 9/11 Savena ore 22)

Convocati: Gino, Massi, Matteo, Manzi, Michi, Mike, Melo, Giuseppe, Andrea, Nic n.e.
Assenti: Anto
Marcatori: CROCE, CROCE, CROCE, Mike, CROCE, Mike, CROCE, CROCE
..
Cosa ne dite se pensiamo direttamente al match di mercoledì prossimo??
Vabbè 2 parole bisognerà pur spenderle. Dopo un inizio di studio (ci osservano passarci la palla per 4 minuti di fila) quando capiscono che siamo innocui iniziano a giocare per davvero e ci surclassano dal punto di vista del ritmo e delle idee. Loro danno sempre l’impressione di poter colpire, noi sembriamo un po’ in bambola. I lampi di Mike, che ad inizio ripresa sfrutta un erroraccio del loro portiere per metterla dentro e poco dopo con una punizione dal limite lo incenerisce (palo-gol, gran pera!), e qualche altro tiro di Melo e Giuseppe (se non erro) interrompono per pochi attimi quella sensazione di impotenza che ci accompagnerà dall’inizio alla fine. Molto molli e imprecisi noi, molto tosti loro. Dobbiamo migliorare e miglioreremo! Animo!!!
Unica nota positiva: stavolta il parcheggio l’abbiamo trovato facile.
Nic
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Buona la seconda!

buona-la-seconda

2^g. ZEROCINQUANTUNO-REAL BOLOGNA 1-4 (p.t.0-2) (LUN 24/10 Virtus ore 22)

Convocati: Gino, Massi, Matteo, Manzi, Giorgio, Melo, Giuseppe, Andrea.
Assenti: Mike (contrattura), Michi (ferie), Anto (caviglia)
Marcatori: Melo, Melo, Giuseppe, ZEROCINQUANTUNO, aut. ZEROCINQUANTUNO
.
.

Lo sapevo. Avrei dovuto scrivere subito la cronaca della partita appena tornato a casa perché già lì sul momento facevo fatica a ricordare tutto quello che era successo in campo.
Ora che poi è passata una settimana, figurati te cosa mi ricordo.

Il derby tra Real Bologna e Zerocinquantuno è andato in scena alla Virtus, campo piccolino ma dignitoso.

Voglio subito sbilanciarmi dicendo che secondo me il CSI voterà Giuseppe come migliore in campo. Grande partita del nostro numero  10 che ha corso ovunque, ha pressato quando c’era da pressare e ha sofferto con la squadra quando c’era da soffrire. E ha anche bollato un gol e mezzo, quando c’era da bollare.

Grande partita anche degli altri biancoblu, a partire da un insuperabile Ginone, che si è scaldato a dovere come non succedeva dai tempi di mister Bellei, a seguire con Ricky “Bublè” ManziBetti sempre attento in difesa e pronto a lasciarsi andare in fascia fino ad arrivare al tiro. Motorino!
Buon match anche di quel volpone di Teo, che col vecchio trucco della maglietta non lavata dalla partita della settimana prima, ha tenuto a distanza il suo avversario tutta la partita.
Eccellente l’esordio di Giorgio, l’emozione della prima volta con la calma di un veterano.
Un ottimo Melo li in mezzo. Due gol per lui. Cioè non so se mi spiego. Se comincia a fare pure dei gol, lui qui ce lo porta via l’Inter a gennaio.
Il Prove s’è sbattuto per mezzora, prima di lasciare il campo per infortunio, cercando più volte il tiro e tenendo spesso da solo in apprensione la difesa avversaria. Un match di sostanza del nostro puntero, di quelli che fanno subito innamorare i tifosi (le tifose per ora non le abbiamo, accontentati).
E poi, beh, poi c’era il Conte Max. Terzino, punta centrale, assist man. Tanta corsa e tanto cuore. Cosa chiedere di più al Capitano?!

Tornando al match, i biancoblu fin dai primi minuti cercano di mantenere il controllo della partita, ma gli arancioni rispondono colpo su colpo con tiri che fortunatamente non inquadrano il bersaglio.
Per la prima gioia stagionale bisogna quindi attendere una galoppata solitaria di Melo. Partito dalla nostra metà campo, “AntonioDiciotto!” semina gli avversari e con freddezza gela il portiere. 1-0
E’ ancora lui pochi minuti più tardi che risolve in mischia con un tocco angolato e porta il Real avanti di due. 2-0.
Gli avversari sembrano al tappeto. I nostri difensori sono perennemente in anticipo e faccio fatica a ricordare occasioni importanti per gli 051.

Il primo tempo finisce così e all’inizio del secondo tempo è ancora il Real a fare festa. Lob di Melo a scavalcare la difesa e a trovare Giuseppe a tu per tu col loro portiere. E per Giuseppe buttare dentro il 3-0 è roba da ridere.
Loro accorciano subito le distanze in una delle poche occasioni: bella deviazione di prima sul palo lungo dove Gino non può nulla. Ma il Real stasera sa essere ordinato e non si scompone. E per chiudere i conti a 10’ dal termine arriva il 4-1 su una combinazione Giuseppe-Max-Giuseppe-Difensore 051.

Insomma dai, bene bene. Ora facciamo un’amichevole e rilassiamoci un po’. Sti 3 punti ci volevano proprio. Bravi tutti e state benone.

Paolo

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Falsa partenza

falsa-partenza
1^g. REAL BOLOGNA-GELATERIA GIANNI 0-4 (p.t.0-2) (LUN 17/10 Castelmaggiore ore 21)
Convocati: Gino, Massi, Matteo, Manzi, Michi, Melo, Diego, Giuseppe, Andrea, Nic n.e.
Assenti: Mike (contrattura) e Anto (caviglia)
.
.

Quest’anno cominciava già in ritardo il campionato, causa sovrannumero di iscrizioni e vari problemi di disorganizzazione del CSI, ma noi decidiamo di iniziare ancora dopo, cioè lunedì prossimo, perché all’esordio siamo mancati completamente.

Giocando in casa e avendo scelto come campi preferiti Cavina, Zoni e Savena ci troviamo giustamente al campo C di Castelmaggiore… un campo nuovo per noi (oddio nuovo no…ci giocammo 2 volte 3-4 anni fa prima di maledirlo e diffidare il CSI a darcelo ancora) che ci sorprende per le dimensioni ridotte, come ci sorprendono i carichissimi Joga Bonito, detti anche Gelateria Gianni, aggredendoci e tirando fin da subito.

In verità segnano subito senza nemmeno tirare in porta: palla vagante nella nostra area, il solissimo Manzi la appoggia all’indietro (di petto?) e sorprende il buon Gino: palla nella saccoccia e partenza in salita (0-1).

Loro tirano con grande facilità, noi facciamo una fatica bestia a giocarla, un po’ per l’assenza di spazi e un po’ per l’aggressività che loro hanno e noi no. Primo tempo finisce 2-0 per loro e ringraziare…

Non avendo fatto credo nemmeno un tiro in porta, all’intervallo programmiamo un 2-3-1 per vedere se riusciamo a sfruttare meglio le nostre potenzialità. E dopo altri 5 minuti di nulla cosmico lo mettiamo in pratica: Matteo e Manzi centrali, Andrea in fascia destra per poter rientrare col suo mancino, Giuseppe a sinistra (idem), Melo in mezzo e…punta?? Prima Diego, poi Giuseppe, poi Massi, poi…mancava il custode e avevamo provato quasi tutti. Purtroppo in un terreno di gioco così non abbiamo (tantomeno oggi, out Anto e Mike) un armadio da metter là davanti, di buono però c’è che Andrea trova più spazi lì dietro e arriva diverse volte pericolosamente al tiro. La sostanza della partita però non cambia, finalmente abbiamo iniziato a tirare -è vero- ma loro continuano ad approfittare dei buchi nostri in fase difensiva e se ci fanno solo altri 2 gol è perché Ginone spesso salva capra e cavoli! Per noi il gol resta una chimera e rimane la consapevolezza che c’è tanto da lavorare, ma è normale avendo potuto provare pochissimo la squadra con tutti gli effettivi per il campionato.

Anche la settimana prossima campo piccolo (Virtus, altra vecchia conoscenza) poi, dopo la settimana di pausa, se il CSI si degna di pubblicare il calendario potremmo forse tornare su terreni a cui siamo più abituati, tenendo però a mente che non possiamo dare colpa solo al campo! Dobbiamo ritrovare prestissimo la nostra voglia e la nostra aggressività! E facilitare l’integrazione dei nuovi elementi, che tanto abbiamo inseguito! Il campionato è lungo, forza!!!

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Si parte il 17 ottobre!

images

Il calendario del girone di andata uscirà a breve…

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

Pagellone di fine anno (voto politico 7+)

1

GINO – La presenza in rosa di Luca e qualche articolo di giornale lo stimolano oppure rivive semplicemente una seconda giovinezza?! Fatto sta che rivediamo, soprattutto nel girone di ritorno, il miglior Panterone! Sono 2 le partite che il Real chiude senza subire gol quest’anno; non succedeva dal 2008 e sarà pur anche merito suo… Emblematico il gesto di stizza con l’arbitro per la decisione sul primo gol nella partita coi Dortmund: lui voleva i playoff, sapeva che la sua “squadraaa” ce la poteva fare… Oramai il Presidentissimo confonde sempre più spesso la maglia n°1 col suo pigiama e dice di non vedere l’ora di ricominciare.

MAX – Il veterano del Real, eletto capitano a settembre per sollevazione popolare, inizia bene la stagione ma ai primi di marzo deve alzare bandiera bianca per un fastidioso problema al ginocchio e da allora vede più le palestre dell’Isokinetic che i campi di gioco. Ma a bordo campo non manca mai, si preoccupa di sedare Paolo e soprattutto Nic, stentando a comprendere cosa ci sia da agitarsi perché tanto il Real si salverà tranquillamente… E così è. Mezzo voto in più perché scopre Melo e coccola Taoufiq e ce lo porta direttamente al campo ogni sacrosanta settimana…

MANZI – En plein di presenze per uno dei giocatori che incarna meglio lo spirito Real. Avvisa un mese prima che mancherà ad un’amichevole, si scalda tre quarti d’ora prima del match, è sempre pronto ad incoraggiare i compagni e a calmare i mister quando sbroccano, mai una protesta o una polemica, prende le scale per recuperare i palloni sul tetto di Castelmaggiore e comunica il numero dello spogliatoio prima che il custode l’abbia assegnato… Oltre a tutto ciò, quest’anno ha acquisito grande continuità nelle prestazioni e ha fatto pure 2 gol, di cui 1 decisivo. Non è un caso se, dopo il forfait di Max, la dirigenza lo fa capitano!

MATTEO – Anche per lui bottino pieno di presenze quest’anno. “A noi serve uno che non corra, ma stia fermo là dietro a guidare la difesa” invocavano i mister tempo fa. “Eccolo!” la risposta sul mercato della dirigenza. Anche 2 gol all’attivo nel girone di andata! Il burbero è accusato dai più di intrattenere rapporti con persone losche al di fuori della Società, ma quel che importa a noi è come si comporta in campo e per ora va bene così!

PINO – Denota segnali di invecchiamento precoce fin dal precampionato e per tutto l’anno oscilla tra una polenta coi funghi e un tortellone al ragù, tra una battuta e una frase semiseria, tra sprazzi di lucidità e attimi di nebbia più fitta che a Castelmaggiore a dicembre. Nel dubbio i mister lo retrocedono in difesa, dà il suo meglio a 2 come centrale, ma fa benissimo anche a 3 come terzino. Di solito si scalda chiacchierando in panca, poi entra e mette sempre in campo sostanza, ordine ed esperienza. Da ubriaco, alla cena di fine anno confessa che è un ex campione di calcio a 5, che non va mai a correre e non lo farà mai e che vuol diventare un ex giocatore del Real…. Quasi sempre ritardatario ok, ma stavolta sei un po’ in anticipo… non ti pare? Pensaci bene Maestro!

MELO – E’ giovanissimo il neoacquisto estivo per il centrocampo del Real, parla poco e fa molto. All’esordio contro i Casty lo facciamo iniziare giù perché magari non è ancora pronto. Dopo 10 minuti lo facciamo entrare e non lo togliamo più per tutto il resto del campionato… Ci serviva uno che non ci sta mai a perdere. Rivelazione! Poi le sue conversazioni su Inter e Juve con Gino nei prepartita valgono già da sole il prezzo del biglietto!

MICHI – Per qualità potrebbe fare molto di più. Vogliamo dire 10 gol all’anno? Diciamolo! A volte si limita al compitino e quando è così è la disperazione dei misters! Purtroppo il meglio lo dà come esterno nel 2-3-1 e noi coi giocatori che abbiamo quel modulo lo facciamo poco… I tentativi più dispa/erati di stimolarlo (“Sei il giocatore più in forma del campionato”, “Se non fai gol, a gennaio ti tagliamo”, “Dai che oggi abbiam bisogno del miglior Michi per vincere”, “Da sfogliare in panca preferisci Quattroruote o Guerin Sportivo?” ecc…) non sempre hanno esito positivo. Quando dice: “Questi sono forti dai, non vorrete mica farmi entrare…” uno dei due mister (senza far nomi) si incazza come una pantera. L’anno prossimo, Paolo, cosa ci inventiamo?!

RICKY – Dopo qualche partita di ambientamento, prende confidenza col mezzo, a tratti toglie il fioretto e mette la sciabola e si cala perfettamente nel ruolo (direttore d’orchestra del centrocampo del Real). Ma è sfortunatissimo perché sul più bello si spacca, rinviando a data da destinarsi il suo rientro. Ci auguriamo non sia finita qui…

ANTO – Come sempre problemi più grandi di lui per il killer. Dopo gli infortuni muscolari, le pesanti febbri ed i soliti casini al lavoro, quest’anno arriva pure il diabete! Ma lui lo respinge e dopo 2 mesi orribili rivede il campo e la porta! Pesantissima la sua doppietta contro la Silver, capolista del momento, che dà una spallata al campionato a tutti i livelli. Lì il Real capisce che può salvarsi bene e persino puntare ai playoff. E lui capisce che se dà retta ai medici e si fa un po’ di corsetta settimanale per star meglio… per il Real può essere ancora decisivo!

NICO – Come nelle favole non a lieto fine, la sua migliore stagione (in termini di gol fatti e percentuale realizzativa) è anche la sua ultima. Se ne va uno di quelli che fan più gol che presenze, che non ti puoi neanche incazzare troppo quando si dimentica di avvisare che non c’è, perché poi la volta dopo ti fa 2 gol impossibili e viene ad abbracciare tutti in panchina. Quando 3 anni fa ci chiese la maglia di Mario ci mettemmo quasi a ridere, ma la verità è venuta a galla ed è che perdiamo un altro grande n°10… Torino lo aspetta e la cosa più brutta è che diventerà gobbo pure lui!

LUCA – Record di presenze per lui quest’anno (ben 5: 3 in porta e 2 fuori). Sempre positivo, si conferma saltuario di lusso: dalla metà campo alla riga di porta, dove lo metti sta! La proposta di rinnovo contrattuale alle medesime condizioni scatterà a breve. Jolly!

MIKE – Ci siamo affezionati in fretta a questo ragazzone, che sembra tanto bonaccione ma che alla fine in campo le dà (molto) e le prende (solo quando riescono a beccarlo). Di solito ci mette un quarto d’ora per scaldare i motori, poi è un crescendo di condizione e intensità, presentissimo nel girone di ritorno quando siamo nella merda, sgonfia palloni e buca reti con le sue bordate di sinistro. Commovente quando segna il gol della speranza ai Dortmund rotolando per terra tenendo lontani 2 avversari con un braccio e colpendo la palla nell’unico modo possibile ed immaginabile (e forse nemmeno). Grande acquisto!

TAOUFIQ – Mah che dire…Forse l’abbandono della sua squadra a 11 è stata la nostra fortuna…Entra in campo sempre con grande calma e leggerezza, non capendo perchè quei 2 in panca si agitino tanto e sapendo che lui può rivoltare la partita più o meno quando vuole. Nel girone di ritorno, complici le tante assenze, viene convocato quasi sempre e ci aiuta a centrare la salvezza e quasi i playoff. Superbo!

PAOLO – Si sdoppia tra mister e player al bisogno non solo nelle amichevoli, ma anche in campionato e in una partita decisiva: serve battere gli Orange per salvarsi subito, Nico è in ferie e Anto è in ritardo, quindi tocca a lui, che dimentica acciacchi e pressione, si sacrifica e con la spallata giusta (un gol e un assist) si rivela decisivo. Cos’altro aggiungere? Eroico!

Uno dei due mister.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Grazie lo stesso

22 grazie lo stesso

22^g. REAL BOLOGNA-DORTMUND BOYS 4-6 (p.t.2-2) (GIOV 28/4 Dozza ore 22)

Convocati: Gino, Matteo, Manzi, Michi, Pino, Melo, Mike, Taoufiq, Nico, Anto. Assenti: Massi, Ricky.

Marcatori: DORT, DORT, Nico, Taoufiq, DORT, Nico, DORT, Mike, DORT, DORT

Alzi la mano chi alla vigilia del campionato o a Natale immaginava un Real salvo a una giornata dal termine che si giocava i playoff negli ultimi minuti dell’ultima partita contro la squadra più forte del girone, mentre i rivali (forti) del Casty annaspavano con lo Sparachiodi e solo negli ultimi secondi raggiungevano quel pari che avrebbe costretto, appunto, il Real ad un’impresa contro l’agguerrita capolista Dortmund.

Uno dei Mister nel prepartita si lasciava sfuggire a microfoni spenti: “Puntiamo ad arrivare 0-0 a 5 minuti dal termine poi ci giochiamo il tutto per tutto”… In realtà ci arriveremo al pareggio, con quasi 4 minuti da giocare e quindi con la palla del match-point o del playoff-point se preferite, ma sul 4-4! Vediamo come…

Ci presentiamo in 10 perché Nico e Taoufiq han già giocato un’altra partita dalle 8 alle 9, ma per fortuna non si sono fatti male (o meglio non abbastanza male…) per rinunciare, mentre Anto è alle prese col solito cliente che gli dà del lavoro alle 9 di sera, ma iniziando alle 10 ce la fa pure lui. Turnover e spazio a Michi che mentre si scalda dice testualmente: “Peccato che finisce il campionato proprio adesso che stavo entrando in forma”… Lo prendiamo seriamente, ma capiamo che scherzava quando, dopo 8 secondi di gioco, su una respinta di Ginone su tiro dal calcio di inizio, butta la palla all’indietro nella terra di nessuno e il più lesto ad approfittarne è un giallo-nero che la sbatte dentro senza troppi complimenti nonostante la sfera sembri già nelle mani del Gatto di Avellino (0-1). 2 minuti di gioco fermo per proteste, ma l’arbitro non ne vuol sapere: lui non ha visto! Niente paura, è solo l’inizio. Altri 30 secondi e dalla destra una fucilata sul primo palo sorprende tutti, compreso il buon Ginone che, ancora ingrugnito per l’accaduto, continua a smadonnare snocciolando parole ancor più incomprensibili del dialetto dei simpatici rumeni (0-2). Altra russata della retroguardia dei blues e solo per un salvataggio miracoloso di non ricordo chi riusciamo ad evitare il patatrac. Situazione a dir poco grottesca.

La sensazione che loro prendessero la partita un po’ sotto gamba, visti gli aliti alcolici e i cori festosi del prepartita, era leggerissimamente sbagliata. Dei loro 12 a referto forse qualcuno che ha voglia di giocare c’è. Ok, dai adesso forse è ora di iniziare. Cominciamo a ringhiare anche noi a metà campo e a rispondere colpo su colpo alle loro legnate. Mostrano di ballare un po’ là dietro (il portiere canta anche fra l’altro) e c’è terreno fertile per noi. Finalmente Nico nella nebbia dei loro rutti vede spuntare un pallone vagante e lo colpisce al volo: gran pera e Real che accorcia! Sull’1-2 sono un po’ meno sboroni adesso e noi ci crediamo, chiudendo bene dietro, rubando palloni a centrocampo e andando spesso al tiro. E verso metà primo tempo la riprendiamo, accendendo un’altra mischia nella loro area che Taoufiq risolve con un destro deviato che spiazza il portiere (2-2).

Segue una fase interlocutoria con scontri verbali e non (molti) ed occasioni (poche) da ambo le parti. Si ricorda solo una parata paurosa di Gino, che con un colpo di reni toglie dall’angolino un pallone insidiosissimo che i Dortmund avevano già battezzato dentro, e l’infortunio alla caviglia di Nico, che sembra porre fine alla sua avventura Real con mezz’ora di anticipo. Il Real si sta comportando alla grande, l’intento è andare avanti così e attendere l’episodio che possa sbloccare di nuovo la partita. Nell’intervallo il giochino di turno stavolta è il Rischiatutto, con Ginone che (si dice, io non ho visto niente…) prende a calci il pallone dalle mani dell’arbitro continuando a protestare per l’ingiustizia subita e non dimenticata in occasione del primo gol e con Paolo che (si dice, io non ho visto niente…) impedisce alla giacchetta nera di estrarre al nostro portierone il cartellino che cambierebbe le sorti del match, ma non nel senso che intendevamo noi.

Una volta placati gli animi tra Real e arbitro inizia la ripresa e, mentre continua la girandola dei cambi per sfruttare al meglio tutto l’organico, continua la guerriglia Real stavolta con gli avversari, con scontri e minacce reciproche a persone e parti di persone, perché se noi vogliamo vincere loro non vogliono perdere, anzi vogliono vincere pure loro. Tra i più calmi oggi c’è Mister Nic e questo è tutto dire… Paolo invece si defila sempre più spesso verso la bandierina del calcio d’angolo, un po’ perché ne ha le palle piene delle tattiche di Nic e un po’ perché sta pensando a trovare un posto per la cena di fine anno che sia meglio dell’America Graffiti, il che non è affatto semplice. In mezzo l’altro borghese, Max, è ancor più rilassato del solito visto che oggi non ha nemmeno dovuto scarrozzare al campo l’automunito Taoufiq. Insomma, una situazione di stallo che non si sblocca.

Così a meno di 10 dal termine si opta per un altro Rischiatutto, il famigerato 2-3-1…stavolta con Anto punta, Melo in mezzo e Nico (resuscitato lui e la sua caviglia) e Taoufiq ai lati (!). I frutti sono immediati, anche se non proprio quelli attesi: dai 30 metri siluro di un giallo-nero che sbatte sotto la traversa e si insacca. Applausi. E 3-2 per loro. Ma il Real non ci sta e butta il cuore oltre l’ostacolo. Punizione, stavolta fischiata a nostro favore, dai 20 metri ma defilata: si avventa il marocchino che centra il portiere, palla non trattenuta e Nico di culo, sì proprio nel vero senso della parola, la mette dentro. 3-3! Quando si dice il senso della posizione…

Ci sbilanciamo per provare a vincere. Tra una promessa reciproca e un saluto alla famiglia fra Mike e un avversario, un orologio che scandisce impietosamente i minuti e una discesa di Baresizzuti senza palla (anche no, grazie), il tempo regolamentare sta per finire. Lasciamo 30 centimetri a uno al limite dell’area, rasoiata maligna e gol del 4-3. Le tentiamo tutte con Mike punta al posto di Anto, che ha preso diversi falli ma è stato sfortunato nelle punizioni. E Mike con un’azione da bulldozer che davvero non si può raccontare, insacca di rabbia rotolando a terra! Un gol paz-ze-sco!!! 4-4 e l’arbitro annuncia 30 secondi alla fine più 3 minuti di recupero (esattamente come nel primo tempo). Serena agitazione in panchina.

Ultimi tentativi. Punizione per noi da lontano. Sarebbe quasi il match-point. Ma loro respingono, il contropiede fulmineo ci trova impreparati, gol. Altro attacco a testa bassa e altro contropiede fatale. Fischio finale. Ma non c’è delusione. Questi 2 gol in un minuto non ci stavano proprio, risultato bugiardo, ma siamo stati costretti a tentare il tutto per tutto perché il pari non sarebbe bastato per i playoff.

Va bene così, abbiamo dato tutto e onorato l’impegno sia per noi stessi che per chi sperava in una nostra vittoria per agganciare il primo posto. Finiamo a 31 punti in un girone difficile, con alle spalle Patalasko e MonkeyLab l’anno scorso primi e terzi, mica male, sesti ma non miglior sesta dei 7 gironi (quella finisce a 33).

Finisce un’altra annata, come sempre difficile, come sempre caratterizzata da abbandoni forzati in corso d’opera, a sto giro di Max (a marzo) e di Ricky (ancora prima, a dicembre), ai quali vanno gli auguri di un pronto recupero, ma come sempre con le soddisfazioni del risultato finale e del bel gruppo.

E adesso si festeggia a tavola!!!

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento