Game over

rec4 game over

rec. 12^g:  4D PAVIMENTAZIONI-SPAKKATI 3-6 (p.t.1-2) (Lun 23/4 ore 21 Pallavicini)

Convocati: Luca, Manzi, Matteo, Nic, Melo, Trofeo, Beppe, Massi, Nico

Out: Gino (riposo), Michi (neo), Marco (contrattura), Mike (squalificato)

Marcatori: SPA, SPA, Massi, SPA, aut.SPA, SPA, SPA, SPA, Nico

PALLAVICINI – Epilogo amaro per il Real, che dopo aver perso nelle ultime giornate le speranze promozione, all’ultimissima perde anche i playoff, obiettivo minimo stagionale che era ampiamente alla portata.

Squadra scarica fisicamente e mentalmente, che dopo un girone di andata concluso al terzo posto (e per qualche settimana al secondo), colleziona solo 10 punti nel ritorno con qualche attenuante ma anche con 3-4 prestazioni imbarazzanti.

Veniamo al match (ripetizione contro gli Spakkati a causa del famoso cronometro…) cercando di raccontare quel che è possibile. Ospiti d’onore in panchina Ginone (oggi a riposo) e il solito Michi, indubbie testimonianze di attaccamento alla squadra in un momento delicato. Beppe si divide tra un riscaldamento non troppo convinto e 2 chiacchiere sulle ferie col nostro trottolino, ma pare più interessato alla partita di Platinum del campo a fianco, dove si stanno cimentando diversi ex del BFC.

Iniziamo che gli altri hanno un ritmo superiore al nostro (strano). Nic non chiude su un cross teso dalla riga di fondo, palla che passa sotto le braccia (o gambe non ricordo) di Luca e pesca libero sul secondo palo a un metro dalla riga di porta lo stinco di un attaccante ospite (0-1). Tre giri di orologio e un veloce centrocampista dei verdi si infila nell’out destro della difesa 4D come una lama nel burro e va in porta (0-2). In mezzo a tutto ciò, con i difensori evitiamo di giocare, mentre Beppe, Melo e Trofeo si passano in totale 2 palloni in 15 minuti. Inutile dire che di tiri in porta non se ne vedono e l’unica recriminazione è un sospetto atterramento ai danni di Beppone, ma l’arbitro invita a proseguire.

Finalmente sotto di 2 gol iniziamo un minimo a giocare. Ci aiuta senz’altro l’ingresso di Nico, ma a sorpresa è Massi appollaiato sul secondo palo ad insaccare di testa (!) un perfetto cross dalla destra di Manzi (1-2). Lecito sperare che questo sia un buon segno! Nel frattempo MisterPaolo si sposta sempre più verso la bandierina del calcio d’angolo. Stavolta non sono gli urli di Nic ad allontanarlo, ma probabilmente un interminabile monologo di Trofeo sulla tattica.

Intervallo a ricaricare le pile e consapevolezza che con un po’ di calma la possiamo anche ribaltare. Ma la frenesia è troppa. Melo sbaglia un appoggio verso Nico a metà campo, contropiede, pare che riusciamo a chiudere, ma dal fondo il 27 si inventa un’altra sassata sul primo palo che sorprende il buon Luca (1-3). Il Real accusa il colpo, cerca in tutti i modi di riacchiapparla (Beppe terzino per dare più spinta), ma c’è troppa ansia e confusione nelle giocate e soprattutto non becchiamo davvero mai la porta, mentre loro sono più cinici. Quando inizio a vedere Matteo più nell’area avversaria che non nella nostra capisco che la partita è finita, anche se mancherebbe ancora tanto.

Non so a che minuto e con chi segniamo in mischia, ma prima e dopo ne prendiamo altri 3 in balia totale di una squadra non certo fenomenale, ma senz’altro più ordinata e cinica di noi. Nel finale sbagliano dietro e Nico ne approfitta per il 6-3 finale.

Peccato aver finito così male una stagione che aveva determinati propositi. Ora è tempo di riposo. Ma anche di pensare a cambiamenti per il futuro.

Nic

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il Real si rialza, ma non cammina ancora

Serbia's Vidic handballs in the penalty area during a 2010 World Cup soccer match against Germany at Nelson Mandela Bay stadium in Port Elizabeth

rec. 13^g:  BAR TIPO FOOTBALL DRUNKS-4D PAVIMENTAZIONI 1-2 (p.t.1-1) (Mart 17/4 ore 21 Pallavicini)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Nic, Melo, Trofeo, Beppe, Massi, Mike

Out: Michi (neo), Marco (contrattura delle 20,15)

Marcatori: BAR TIPO, Beppe, rig.Massi

Note: espulso un invasato del Bar Tipo a metà secondo tempo e un altro nel finale, 4-5 ammoniti a casaccio di qua e di là

PALLAVICINI – Giusto due righe per parlare della partita di ieri sera.

Bar Tipo Football arriva all’ultima di campionato (a noi ne manca ancora una) con gli uomini contati. Ai 7 iniziali se ne aggiunge uno dopo 10 minuti, ma se ne tolgono 2 prima della fine. Quindi 7+1-2=6.

Noi arriviamo con tutti i titolari a meno di Michi (ancora out per una piccola operazione) e Marco, fermato da uno stiramento improvviso proprio mentre saliva in macchina per venire al campo.

Nonostante fosse il match principale della serata, l’arbitro è arrivato al campo con la voglia che ho io di andare a fare un giro all’Ikea di domenica pomeriggio. Certo, le squadre in campo non hanno fatto nulla per aiutarlo ad appassionarsi alla partita.

Pronti via e loro passano in vantaggio. Il Real tarda a chiudere a centrocampo, botta dalla distanza, Gino valuta se intervenire di mano o di piede e opta per evitare entrambi. 0-1.

Bisogna stare calmi, anche se dopo 15 minuti non abbiamo ancora fatto un tiro nello specchio.

La prima punizione dal limite la tira Beppe, alzando troppo la mira.

Ma poco dopo il bomber numero 9, per l’occasione con scarpe nuove di zecca, si fa perdonare con una botta da lontano che non lascia scampo all’estremo avversario. 1-1 e fine primo tempo.

In panca si predica pazienza, Miki (nel nuovo ruolo di uomo-cronometro) chatta su Whatsapp col Dalai Lama e dispensa consigli su come raggiungere la pace interiore. Bisogna stare calmi e provare a far girare la palla, visto che le gambe non girano granché.

Nella ripresa il Real sembra più determinato e cominciano ad arrivare le occasioni.

La loro improponibile punta continua a provare a segnare in rovesciata da tutte le parti del campo. Quando si guarda troppa TV, capita.

Poi, a metà ripresa, un angolo calciato da Ricky trova una mano proprio in mezzo all’area e tra il fischio dell’arbitro e la realizzazione del Conte passano solo pochi secondi. Grande Capitano, velocissimo e spietato. 2-1.

Arrivano altre occasioni ma riusciamo a sprecarle tutte. Poi si accende un parapiglia tra Matteo e uno dei loro. Esito: Matteo giallo, loro rosso.

E lì il match si incattivisce. Le loro tifose eleganti e raffinate urlano dolci parole dalle tribune. Noi buttiamo alle ortiche tutto ciò che possiamo.

Prima della fine ancora un altro rosso per loro. E un giallo pesantissimo per noi: Mike, già diffidato.

3 punti d’oro che significano sorpasso e quinto posto, in attesa del recupero di lunedì.

Partita brutta, giocata male. Ma per ora va bene così. Però serve vincere lunedì per centrare i playoff.

Paolo

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Che confusione…

17 che confusione.jpg

18^g: 4D PAVIMENTAZIONI-PRINGOALS 2-3 (p.t.0-3) (Giov 12/4 ore 21 Pallavicini)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Beppe, Melo, Trofeo, Marco, Max, Teddy, Nico

Out: Nic (tendine), Mike (polpaccio), Michi (neo), Gino (turno di riposo)

Marcatori: 3 PRINGOALS, Trofeo, Nico

PALLAVICINI – Recuperiamo qualche infortunato, ma le fisiche dei giocatori e quelle mentali dei mister non sono ancora al top.

Uno dei mister (non facciamo nomi, non si tratta comunque di Paolo) in settimana ha visto troppa Champions League e il suo tentativo di colmare il gap di gioco e ordine che ci separa da un avversario in teoria più forte (all’andata non siamo mai stati in partita nonostante il 2-1 finale) trova conforto nella sua testa in un 2-3-1 pungente e dinamico. Ma trova anche molto sconforto in diversi elementi che paiono disorientati come e più delle ultime 2 gare (ed è tutto dire…). Anzichè fare gioco più facilmente ci imbottigliamo nel mezzo e il copione del match diventa quello che vogliamo noi sì, ma a parti invertite. Tempo di prendere allegramente 2 pere e poi tornare alle origini.

Ok adesso ci rimettiamo a posto per bene. No. Ci mettono a posto loro col terzo gol prima dell’intervallo, gol che -se mai non ce ne fossimo ancora accorti- certifica che in Silver quest’anno noi non ci andiamo. E meno male che c’è un Luca assatanato tra i pali, che prova a scuotere i compagni con parate, richiami e rilanci. Tutto inutile.

Ci scuotiamo solo ad inizio ripresa quando Trofeo, ancora lontano dal top dopo la fermata ai box, ma comunque efficace, trova lo spiraglio giusto da fuori area (1-3). Su punizione a due, Beppe tocca a Nico che fa centro pure lui (2-3). Remuntada? No, perchè il tentativo di buttar dentro tutti gli uomini più offensivi risulta vano e ringraziare se loro per tutto il secondo tempo non trovano il quarto graziandoci o sbattendo sull’ottimo Luca.

Fischio finale e ancora teste basse. Classifica orrenda, ma siamo ancora proprietari del nostro destino: se battiamo Bar Tipo e Spakkati siamo comunque quarti. Forza Real, rialza questa cazzo di testa!

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Pasqua senza sorprese

16 nessuna bella sorpresa

17^g: 4D PAVIMENTAZIONI-DIAMOND DOGS 2-4 (p.t.1-2) (Giov 29/3 ore 21 Pallavicini)

Convocati: Gino, Teddy, Matteo, Max, Melo, Michi, Marco

Out: Trofeo, Beppe, Nic (tendine), Manzi (gamba), Mike (polpaccio)

Marcatori: DIAMOND, DIAMOND, Marco, Marco, DIAMOND, DIAMOND

Note: stavolta le tattiche di recruiting di persone sane e/o disponibili sono risultate vane, più o meno…

PALLAVICINI – Impossibile far fronte alla marea di assenti e presenti in precarie condizioni (Matteo con chiappa urticante che può colpire solo di destro, Max che viene teletrasportato dal letto di casa, Marco che con la pubalgia può tirare sì ma non forte…). Il Real, o ciò che resta, butta davvero il cuore oltre l’ostacolo, ma perfino i modesti Diamond Dogs -il 22 però è un discreto giocatore- sembrano una montagna difficile da scalare. Di buono c’è che abbiamo onorato l’impegno (fino a qualche ora prima non sapevamo se ci saremmo presentati) e che i 7 “stoici” non hanno mai mollato e il Real ha giocato almeno con un certo ordine.

Vantaggio loro 2-0, li riprendiamo con 2 gran gol di Marco (assist di Melo e…il secondo non mi ricordo) subito prima e subito dopo l’intervallo. Le lingue striscianti, la mancanza di cambi e qualche disattenzione dietro fanno il resto, con loro che ne tornano avanti di 2 a metà ripresa. Proviamo a recuperare, abbiamo delle occasioni, ma la palla non vuole entrare e finisce 4-2 per i rossi.

Benedetta la sosta, che si spera ci farà recuperare qualche indisponibile. Dopo ci sono 3 finali per difendere almeno il posto playoff. Qui non si molla un cazzo, questo deve essere chiaro!

E buona Pasqua.

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Gran bella partita

15_applausi

16^g: GLI SHURTATI-4D PAVIMENTAZIONI 9-1 (p.t.4-1) (Giov 22/3 ore 22 Pallavicini)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Mike, Melo, Marco, Beppe, Michi, Max

Out: Trofeo, Nic (tendine)

Marcatori: SHURTATI, Beppe, 8SHURTATI

Cronaca: preferiamo non infierire.

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Un senso…

un senso a questa sera, anche se questa sera un senso non ce l’ha.

15^g: N’GUADICI FC-4D PAVIMENTAZIONI 3-3 (p.t.0-2) (Lun 12/3 ore 22 Cavina)

Convocati: Gino, Teddy, Matteo, Mike, Melo, Marco, Beppe, Nico (part time)

Out: Trofeo, Massi, Michi (ferie, strano), Nic (tendine), Manzi (gamba)

Marcatori: rig.Mike, Beppe, 3 GUADICI, Nico

CAVINA – E’ il match clou contro la capolista, che all’andata ci ha battuto 3-1 rimontandoci pur giocando alla pari.

Succedono cose strane nelle ore precedenti la partita.

Melo fa i complimenti alla squadra per la vittoria di giovedì e pare ricordarsi qual è il Cavina.

Michi è in ferie (beh questo è normale) ma insieme a lui sono indisponibili Trofeo, Manzi, Nic e Max, cioè 5 degli 11 fissi. Arrivare a 7 pare un’utopia.

Manzi prega la moglie di tenere la bimba di Mike, così il nostro gigante buono può venire a giocare.

Max spiega che la partita contro la capolista alle 22 mal si concilia con la sua sveglia alle 4 della mattina dopo (e fin qui ok) e aggiunge che anche Beppe dovrebbe stare a riposo per non sforzare la caviglia.

Paolo prega Beppe di stringere i denti ed essere puntuale e lui per tutta risposta arriva alle 22,21 camminando, stanco perché ha giocato dalle 21 alle 22 allo Zoni con la Platinum (tra parentesi erano in 7 anche là). Beppe non lo sapeva, ma la dirigenza gli comunica che i cartellini li ha lui nella borsa e che senza di lui non si può iniziare (saremmo in 6).

Nic, quando viene a sapere che il Frecciarossa 8464 Roma-Bologna a Orte ha già accumulato 17 minuti di ritardo, chiama il capotreno minacciandolo e suggerisce a Nico di iniziarsi a scaldare in treno perché quando arriverà al Cavina dovrà essere pronto da subito per il secondo tempo.

I Guadici iniziano a mostrare nervosismo perché è tardi e il giorno dopo a scuola qualcuno ha l’interrogazione. Finalmente (per loro, non per noi) si comincia.

Succedono cose strane anche durante la partita. Ad esempio che andiamo in vantaggio 2-0. Prima azione dirompente di Beppe che viene atterrato da 3 uomini, anzi 3 bimbi, e Mike trasforma il rigore con freddezza. Poi lo stesso Beppe -fortuna che è stanco e ha male alla caviglia- va via a 2 uomini e la mette nell’angolino.

Il Real sembra solido e regge bene l’urto dei cinni, anche se col passare dei minuti cala inevitabilmente. Paolo può gestire al meglio i cambi (anche perché non ne abbiamo) e la partita è vivace con occasioni per entrambe le squadre.

Sul finale di tempo Nic cambia lato del campo, ufficialmente per aprire lo spogliatoio e velocizzare l’arrivo di Nico, ma il sospetto che la porra dei tifosi urlanti dei Guadici sia davvero buona e lo aiuti a vedere la partita con maggiore serenità, col tempo diviene certezza.

Festa all’intervallo sia per il doppio vantaggio che per l’arrivo di Nico, salutato da una standing ovation e da 12 mani che si alzano chiedendo il cambio. Vince Marco, che si accomoda in panca dicendo che non ne vuole più sapere per oggi.

Il secondo tempo è terribilmente più normale. Loro corrono ancora e noi no, quindi dal 10° al 20° ce ne fanno 3 e c’è poco da fare e da cambiare: gli unici da ruotare sono ora Beppe e Marco perché in difesa cambi non ne abbiamo, Melo non puoi toglierlo e Nico (nelle condizioni fisiche di chi non corre da un anno) deve carburare. Gino smorza l’urlo del ko con un’uscita a valanga su uno lanciato a rete che è dal 1998 (loro anno di nascita) che non si vedeva. Nic, svanito ormai l’effetto fumo, tira un urlaccio all’arbitro che, giustamente, redarguisce Paolo.

Mancano pochi spiccioli al termine. “Ci stava di perdere, ma perdere così fa più male”.

Ma Nico vuole dare un senso alla sua volata per prendere il treno, dare un senso alla nostra voglia di ritardare l’inizio, dare un senso a una partita che da mezz’ora è ormai a senso unico. Si procura una punizione spalle alla porta, carica il sinistro e la mina passa tra tutto e tutti e buca la rete… 3-3!

Due minuti ed è game over. Spettacolo! Buttato il cuore oltre l’ostacolo e portato a casa 1 punto che potrebbe essere alla fine importantissimo. E pazienza se abbiamo perso un pallone come al solito.

Ma succedono cose strane anche nel dopo partita.

Il pallone giallo ormai dato per perso cade dall’alto tra lo stupore generale.

Il vecchietto del Cavina invece è scontento: “avete buttato via la partita”…

Noi: “Ma noi eravamo i gialli eh!”, “Ma noi abbiamo 40 anni e loro 20!”

E lui ancora: “Sì ma anche Di Vaio ha 40 anni e lui corre!”

Ah vabbè…un senso non ce l’ha…

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

In tranquillità, più o meno…

13 calma

14^g:  4D PAVIMENTAZIONI-ASD EYJAFJALLAJOKULL 7-4 (p.t.3-1) (Giov 8/3 ore 22 Virtus)

Convocati: Gino, Massi, Matteo, Mike, Manzi, Nico, Marco, Beppe

Out: Trofeo, Melo, Michi (ferie, strano), Nic (tendine)

Marcatori: EYJA, Nico, Nico, Beppe, EYJA, Mike, Marco, Beppe, Beppe, EYJA, EYJA

VIRTUS – Dunque, diciamocelo. Bisognava vincere e si è vinto. La cronaca in effetti potrebbe finire qui.

Il Real si presenta alla Virtus con gli uomini contati. 6 baldi giovani in forma smagliante e 2 mezzi acciaccati. Gli avversari di questa settimana sono gli islandesi dell’Ejfashulla, là in fondo alla classifica dell’IRON H.

Le cose da segnalare sono poche:

  1. il minuto di silenzio in ricordo del povero Astori
  2. non ricordo assolutamente l’ordine dei gol, né i marcatori. So che Nico ne ha fatti un paio, Beppe due o tre, Marco uno, credo, e uno il buon Mike. A mia discolpa posso solamente dire che ho avuto Nic appollaiato sulla spalla tutta la partita a sussurrarmi parole dolci “Oggi si perde, eh sì, oggi si perde”, “Mi dispiace ma non ci siamo proprio”, “Se andiamo avanti così ci rullano, eh. Come fai a stare così calmo?” , “Se perdiamo salta la panchina eh”, “Posso togliermi la felpa e rimanere a torso nudo che ho caldo?”, “Voglio vedere se riesco a stare in silenzio per trenta secondRAGAZZI SVEGLIAAAAA, SUL SECONDOO PALOOOOOOOOO!” e così via…
  3. un applauso speciale ai due zoppi che oggi con fasciature varie sono venuti a giocare. Grande attaccamento alla squadra e ottima prestazione di entrambi.
  4. Abbiamo preso 4 gol da loro qui (che hanno colpito anche due legni). Ma questo punto 4 forse è meglio non commentarlo.

I tre punti li abbiamo portati a casa quindi bene così.

Dimentichiamo in fretta la prestazione e proviamo a contarci perché lunedì si gioca di nuovo. Stavolta arriva la prima della classe e noi su 14 tesserati difficilmente riusciremo a schierarne 7.

Proviamoci.

Daimò e #forzareal4D

Paolo

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Tempo finisce quando arbitro fischia

UC Sampdoria v Torino FC - Serie A

12^g:  4D PAVIMENTAZIONI-SPAKKATI 3-3 (p.t.2-2) (Merc 21/2 ore 22 Pallavicini)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Nic, Michi, Melo, Beppe, Massi, Mike

Out: Trofeo (turno di riposo), Marco (contrattempo dell’ultimissimo minuto)

Marcatori: Michi, Beppe, 3 SPAKKATI, rig. Massi

Note: primo tempo durato 33 minuti senza motivo. Inoltrato reclamo al CSI per errore tecnico ammesso dall’arbitro. Accertato anche che il gol del 2-2 è avvenuto nei minuti aggiunti per l’errore. Lunedì sera è stato accolto il nostro reclamo e la partita sarà da rigiocare!

Era andata così…

PALLAVICINI – Non nevica al CSI, ma è comunque una doccia più che gelata per il Real. Dal contrattempo che impedisce a Marco di raggiungere il campo (squadra in 9 perchè Trofeo ha il turno di riposo), ai 33 minuti di gioco del primo tempo (verso la fine dei quali subiamo il pareggio), alle 2 incredibili mischie che si accendono nel finale nell’area avversaria senza che la palla abbia minimamente voglia di entrare. Quindi un pari che sa di sconfitta, perché gli Spakkati all’andata li avevamo aperti davvero.

Poteva andar peggio, poteva piovere. Potevamo anche perdere, perché sul 2-2 l’arbitro fischiava un rigore quantomeno dubbio per una pallonata che Matteo avrebbe preso in faccia se non si fosse coperto con la mano. Poteva andar peggio perché poteva non fischiare un rigore assurdo a nostro favore a 5 dal termine, il cui unico significato pareva quello di compensare tutte le decisioni arbitrali che durante il match avevamo legittimamente contestato.

Il primo tempo invece era partito bene, con Michi che addirittura di testa (!) insaccava con un bel pallonetto su gran cross di Melo e con Beppe che infilava una gran punizione di esterno destro dal limite. Un Real che sembrava aver la partita in mano, fino a quando, dopo una paratona di Ginone Garella, smettevamo di giocare la palla e ci spegnevamo lentamente incassando 2 brutte pere verso il 25° e verso il 30° del primo tempo.

“Ma il cronometro, arbitro?”

Niente.

“Arbitro, che ora è?”

“Mancano 6 minuti!”

“A cosa?”

“Ah no no, scusate è finita da un pezzo, ma se volete il secondo tempo lo facciamo più corto!”

E pensare che un Ginone festante già nel prepartita voleva festeggiare le sue 44 berrette e invece niente, tocca rimandare. Oggi va così: tutto al contrario.

Non si poteva fare reclamo per tutte le vaccate che ha fatto l’arbitro durante il match. L’abbiamo fatto perché ha ammesso di aver terminato il primo tempo con ben 8 (lui diceva 6 e mezzo vabbè) minuti di ritardo.

Reclamo accolto e partita da ripetere ad aprile. Meglio, così anche la cronaca la rifacciamo meglio.

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ricominciamo a costruire

11 ricominciamo a costruire

11^g:  4D PAVIMENTAZIONI-THE CRIMINALS 7-1 (p.t.2-0) (Merc 14/2 ore 22 Pallavicini)

Convocati: Gino, Manzi, Nic, Michi, Melo, Beppe, Marco, Trofeo, Massi, Teddy.

Out: Matteo (lavoro) e Mike

Marcatori: Marco, Beppe, rig. Massi, Marco, Melo, CRIMINALS, Beppe, Marco

Note: espulso per proteste portiere Criminals al 50°

PALLAVICINI – Allora la regola delle regole è questa: quando si gioca a San Valentino, chi ha la possibilità di trombare può restare a casa, chi non la vedrebbe neanche stasera deve venire a giocare. Detto questo il Real si presenta con 10 uomini nel gelo siberiano della Pallavicini. Gli assenti sono il burbero e Mike. Ma naturalmente per altri motivi.
Il buon Teddy ci aiuta nelle retrovie mentre davanti siamo al gran completo.

Il Real stasera ha l’obbligo di vincere e i grigioblu dall’altra parte sono giovani, sì, ma in 7 contati.
La successione dei gol devo dir la verità, non credo di ricordarla, ma ricordo che il primo l’ha fatto Marco dopo uno stop magico in area avversaria, il raddoppio è di Beppe (anche se il merito è da dividere con Melo che fa una gran cosa). Michi ha la possibilità di portare a 3 il bottino del Real ma da solo davanti al portiere avversario si fa prendere dall’emozione e spara incredibilmente alto. In panca ci piace pensare che abbia tenuto sto gol per altri match.
L’intervallo arriva sul 2-0 e il Real sembra padrone del campo. Ma l’imperativo è chiudere sta partita prima di rischiare di fare qualche vaccata.

A inizio ripresa è ancora Michi ad avere la possibilità di chiuderla, ma di nuovo a tu per tu col portiere avversario, prima lo centra e poi sulla ribattuta spara alto. In panca ci piace pensare che abbia tenuto sto gol per altri match. (cit.)
Il Real ci prova con tiri dalla distanza e mischie ravvicinate. Dalla panca si susseguono i cambi per cercare di mantenere fiato e lucidità mentale fino al 90esimo. Le gambe girano. Loro, se li pressiamo, vanno in difficoltà.
Poi, all’improvviso, il fattaccio: rigore per il Real (Fischio generoso? Forse una spinta? Forse un fallo di mano? Ce ne frega qualcosa?)
Il fatto è che, mentre 13 dei 14 in campo si chiedono cosa stia succedendo, l’unico lucido è il Conte che prende la palla e la mette sul dischetto. In panca si sperticano lodi sul suo coraggio e sul peso della fascia che porta al braccio. I compagni lo guardano tutti in adorazione. Tutti tranne uno, almeno.
A parte un tic all’occhio che prima non avevo mai notato e una leggera schiumina che gli esce dall’angolo della bocca, si vede che Ricky è proprio contento per il Conte. Comincia anche a mordicchiarsi il paraorecchie, è vero, ma secondo me lo fa solo per la ingannare la tensione della partita.
Il Conte non fallisce: angolino alla destra del portiere e 3-0.
Poi segniamo ancora con Marco, con Melo, con Beppe e ancora con Marco direi.
Naturalmente riusciamo anche a prendere il solito gollonzo, ma stasera fa meno male del solito.
A due minuti dalla fine il loro portiere decide di vivacizzare il finale e sul 7-1 e lancia la palla contro l’arbitro, reo di averci assegnato un calcio d’angolo da 25 metri di distanza. Giallo e poi rosso per proteste, viene portato fuori e sedato dai compagni. L’ipotermia comincia a fare brutti scherzi.

Vabbè dai, tutto è bene quel che finisce bene. Contava vincere e abbiamo vinto.

Ah, dimenticavo, Ricky prima di allontanarsi dal campo, vista la serata speciale, ha voluto comunque lasciare un messaggio d’amore per il Conte.
“Complimenti per il rigore” gli ha scritto.
Con una chiave.
Sulla fiancata della macchina.

Paolo

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Una squadra buona…

10 una squadra buona

10^g: I BAGAGLI-4D PAVIMENTAZIONI 7-5 (p.t.2-3) (Merc 7/2 ore 21 Pallavicini)

Convocati: Luca, Manzi, Matteo, Massi, Melo, Trofeo, Beppe, Marco, Nic

Out: Gino, Michi (ferie) e Mike (family)

Marcatori: BAG, Melo, Beppe, BAG, Trofeo, BAG, Marco, Trofeo, 4BAG

Note: espulso un bagaglio, diversi ammoniti noi e loro

PALLAVICINI – Fino a una settimana fa sembravamo una buona squadra, ora sembriamo una squadra buona. Che è molto ma molto peggio.

Altra sconfitta con una diretta concorrente per la promozione, che fa il paio con quella della settimana scorsa e diventano quindi 4 le scoppole, tutte contro le attuali prime 3 della classe. Non può essere un caso.

O forse sì, un caso umano. Dopo un discreto primo tempo, un inizio di ripresa con alti e bassi, nel finale il Real scompare completamente dal campo meritando a quel punto la sconfitta contro una squadra sui cui difetti possiamo star qui a parlare per ore, ma sicuramente molto più determinata di noi.

Alla vigilia i proclami “dai che dobbiamo prenderci il terzo posto”, “partiamo concentrati” ecc. Pronti via, tiro dal limite e 1-0 per loro. Bella combinazione Beppe-Melo, gran sinistro in corsa e 1-1. Poi è lo stesso Beppe a liberare il sinistro dal limite e andiamo avanti (1-2). Per poco, visto che dormiamo di nuovo e la palla si arrampica su Luca che entra in porta anche lui (2-2). E’ appena iniziata la bagarre dei bagagli, ci pensa Trofeo a spegnere i loro entusiasmi con un tiro da fuori che buca la rete (2-3). Loro continuano a rompere i coglioni e oltre agli 8 in panchina, hanno i tifosi a bordo campo e nelle auto che passano per strada. Noi pensiamo a giocare e teniamo il vantaggio fino all’intervallo.

Ad inizio ripresa varco lasciato aperto dal Conte sulla destra, fucilata dal limite e 3-3. Ma noi siamo più forti (per ora) e li ricacciamo indietro prima con Marco (tacco sottoporta su assist dal fondo di Trofeo) e poi con Trofeo (destro dal limite nell’angolino). 5-3! Siamo quasi a metà ripresa e una squadra con la S maiuscola gestirebbe, non il risultato che è impossibile perché in un campo così piccolo può succedere di tutto, ma la partita e i nervi quelli sì. Invece reagiamo male alle loro foga agonistica e alle loro sceneggiate, perdendo la concentrazione e risultando sia incapaci di coprire gli spazi che di ripartire. Altra prateria aperta sulla destra, loro da fuori ci segnano un gol assurdo all’incrocio che li rianima più di un defibrillatore (a proposito, visto che giocavano in casa, avevano l’addetto? Sti qua avran preso una scossa collettiva prima del match) e deprime noi, che anziché continuare a menare i bagagli come si meriterebbero, ce la prendiamo con loro e con l’arbitro che non fischia abbastanza e non troviamo più le giuste distanze tra i reparti facendo gran confusione. Inizia così un match che non ci trova affatto pronti e quando trovano il pari la nostra partita finisce e per inerzia arriva anche il loro vantaggio (6-5). Per la gioia del gol uno dei loro manda a fanculo l’arbitro che lo espelle, ma anche in inferiorità numerica riescono a vincere perché Matteo fallisce di un soffio il pari con colpo di testa sottoporta, perché in precedenza l’unico nostro tiro pericoloso (di Trofeo da metà campo) aveva beccato il palo interno e perché in contropiede ci fanno addirittura il settimo mentre siamo tutti avanti.

Esame di coscienza -> Capire dove abbiamo sbagliato -> Ripartire pensando che saranno 8 finali -> Quando affronteremo partire di questo genere guardarci allo specchio e cercare di non vedere dei conigli.

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Stavolta gli annebbiati siamo noi

9 mente annebbiata

9^g: PRINGOALS-4D PAVIMENTAZIONI 2-1 (p.t.2-0) (Lun 29/1 ore 22 Zoni)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Mike, Melo, Trofeo, Marco, Massi, Nico

Out: Michi e Beppe (febbre), Nic (riposo)

Marcatori: PRINGOALS, PRINGOALS, Matteo

ZONI – Il match clou dell’ultima giornata del girone di andata va in scena allo Zoni. Nel nebbione di fine Gennaio si affrontano 4D e Pringoals.

Non mi piace scrivere le cronache quando perdiamo, quindi cerchiamo di fare in modo che non succeda più eh.

Ma torniamo al racconto: l’atmosfera pre-match è all’insegna del buonumore. Nonostante l’importanza della partita, la concentrazione è a livelli bassissimi. Tutta colpa di Nico, naturalmente, che pur di giocare abbandona una conferenza in cui era l’unico relatore.

Le statistiche degli avversari di stasera dicono che hanno una difesa impenetrabile ma segnano poco, quindi l’importante sarebbe non subirne troppi.

Dopo 10 minuti siamo sotto 2-0. Ecco. Vabbè. Fanculo.

Il primo gol lo prendiamo su una respinta corta di Ginone che arriva proprio sui piedi di uno di loro.

Il raddoppio arriva al termine di un’azione personale di un biancoazzurro che sulla destra salta tutta la difesa del Real e poi con un rasoterra trafigge il panterone.

Il Real fa fatica a pungere con il suo 3-2-1 e nelle poche occasioni che gli altri ci concedono la mira è da dimenticare. I loro 3 difensori non superano mai la linea di centrocampo, ma si vede che questi sanno giocare. Sono molto organizzati, pressano, non ci lasciano respirare.

Nel secondo tempo proviamo a passare al 2-3-1 alternando Ricky, Marco e Nico come punta e retrocedendo anche Melo sulla linea dei difensori.

Una girata di Nico esce di poco a lato, sulla destra del portiere. Un’altra punizione dal limite la buttiamo alle ortiche.

Solo all’ultimo giro di lancetta troviamo il gol del 2-1 con un tocco sotto misura del burbero che insacca su un calcio d’angolo.

Insomma, una brutta sconfitta in una partita fondamentale.

Per fortuna che almeno Marco ci ha regalato un sorriso con un audio messaggio.

#forzaReal4D

Paolo

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Cooperativa del gol

rec3 cooperativa del gol

rec. 3^g: SPAKKATI-4D PAVIMENTAZIONI 1-5 (p.t.1-3) (Lun 22/1 ore 22 Castelmagg C)

Convocati: Gino, Michi, Matteo, Mike, Melo, Trofeo, Marco, Beppe, Massi, Nic

Out: Manzi (turno di riposo)

Marcatori: Trofeo, SPAKKATI, Beppe, Melo, Michi, Marco

CASTELMAGGIORE – Difficile ricordare un Real così sul pezzo al rientro delle vacanze natalizie. Tutti tonici e anche tutti presenti, incredibile! Le sirene del resuscitato Nico non smuovono ovviamente le idee di mister e presidente e al bomberino tocca aspettare ai box per stavolta. Anzi, scatta la regola del riposo forzato per i fissi e tocca a Manzi-uno-di-noi, finora sempre presente, ad accomodarsi in panca con una birra che esalta ancora di più le divergenze di tattica tra lui e Paolo.

Forti delle convinzioni maturate col 2-3-1 nelle due amichevoli della sosta (vinte anche quelle, ma non è che stiamo esagerando?), ricomincia il campionato ed eccoci puntuali col 3-2-1. Avendo chiesto di giocare a Castelmaggiore solo sul campo A, ecco che ci ritroviamo sul campo C, praticamente un quadrato e per giunta buio, perché quando alle 22 finisce la partita di Golden si spengono le luci del campo vicino e non vediamo più una mazza. Blitz minaccioso alla guardiola “Non è colpa mia se ogni tanto si spegne…” e come per miracolo si riaccende una luce. Per il burbero, oggi in versione brontolo, ciò non è sufficiente per distinguere le nostre maglie dalle loro verdi fosforescenti, ma quando lo facciamo notare l’arbitro ci ride praticamente in faccia.

Non facciamo una piega, tantomeno Trofeo, che alla prima boccia buona la scaraventa alle spalle del portiere con un bell’esterno destro (0-1). Giriamo palla (roba da non credere) e andiamo spesso al tiro, ma senza trovare il raddoppio. E come spesso succede in questi casi arriva l’inaspettato pareggio: bel colpo di testa su punizione, un tiro a voragine che risucchia Ginone dentro la porta e si insacca all’incrocio (1-1). Ricominciamo a macinare e arrivano i gol di Beppe (non particolarmente stanco dalla partita di Platinum) e Melo (di sinistro in corsa su assist in scivolata di Trofeo, gran roba) per il 3-1 che ci porta all’intervallo.

Visti i 28 gol segnati dagli Spakkati nelle ultime 3 partite, ci ripromettiamo che non è il caso di abbassare la guardia. Quando però Marco dribbla la difesa e centra il palo, consentendo a Michi un comodo tap-in (da 1 metro la moviola dirà che sono 3 tocchi, 2 di destro e uno di sinistro), diventano 4 i gol stagionali del trottolino (!) e sul 4-1 qualche segnale di stanchezza/deconcentrazione comincia ad apparire. E’ qui che il Panterone sale in cattedra con un paio di interventi salva risultato. Qualche dirigente in panchina ritiene il Real troppo forte per disunirsi in questa partita e il mister ruota davvero al meglio le carte (10 oggi) del mazzo e ripristina un po’ di ordine in campo, quel che basta per portare in porto la vittoria, rischiando poco e giocando ancora la palla come se fossimo 0-0. Nel finale arriva il meritatissimo premio per Marco: tocco rasoterra su assist di non mi ricordo chi e gol del 5-1 finale.

Davvero bella prova di squadra, 5 gol con 5 marcatori diversi, Real attento in fase difensiva e propositivo in attacco. Ognuno ha fatto il suo alla grande, quindi complimenti! Avanti così e rimaniamo sul pezzo che lunedì ci sono i Pringoals, secondi in classifica.

Nic

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il terzo posto sotto l’albero

8 terzo posto sotto l'albero

8^g: DIAMOND DOGS-4D PAVIMENTAZIONI 2-4 (p.t.0-2) (Giov 21/12 ore 22 Pallavicini)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Massi, Melo, Trofeo, Beppe, Marco, Teddy, Nic

Out: Michi (ferie), Mike (polpaccio)

Marcatori: Marco, Trofeo, Trofeo, Beppe, DOGS, DOGS

PALLAVICINI – Altra vittoria del Real e questa vale il terzo posto, a 6 punti dai Guadici in vetta ma con una partita giocata in meno.

Vigilia tormentata: Mike si fa male al solito polpaccio, Marco annuncia ritardo, Max arriva con uno specchietto in meno. La buona notizia è che Trofeo rimanda le ferie e si guadagnerà un’altra statuetta CSI. Con il già convocato Teddy siamo 10 e vista l’assenza di Paolo (crac ginocchio mentre “facevo un calcetto con gli amici dopo 2 anni”) tocca a Nic mettersi la giacca a vento e tornare mister.

Iniziamo concentrati, siamo superiori ma concretizziamo poco, anche perché non riusciamo a sfruttare gli spazi (pochi) del Pallavicini. A metà tempo siamo ancora 0-0 nonostante un generosissimo Beppe là davanti a far sportellate. L’ingresso di Marco, che parte punta, dà ulteriore vivacità: apertura di Melo per il nostro 10 che sottomisura da posizione angolata fa secco il portiere con un gran diagonale. Poco dopo numero di Marco sulla riga di fondo, tocco all’indietro per Trofeo che con una rasoiata a fil di palo ci porta sul 2-0. Fine primo tempo, vantaggio meritato e discreto Real. Attentissimi dietro con Max e Manzi e propositivi con Teddy, fantasiosi quel che basta davanti, con un Melo che corre ovunque, per lui e per gli altri.

Nella ripresa andiamo ancora meglio perché dopo qualche fase di studio (di cosa poi?) i Diamond Dogs iniziano a rischiare qualcosa. Molto male, perché con 2 contropiedi in 1 minuto li trafiggiamo 2 volte (Beppe e Trofeo) portandoci sul 4-0.

Come spesso succede ci assopiamo e poco alla volta iniziamo a russare, tanto da svegliare il can che dorme… 4-1 e poi col benestare della difesa tutta pure il 4-2. Loro la mettono sulla rissa (vabbè rissa non proprio, ma è per fare un po’ di scena), ma noi reagiamo con le forze che ci rimangono. Nel frattempo il mister si era tolto la giacca ed era entrato per cercare di contenere l’assedio con un paio di urli urticanti. Divertente siparietto col burbero che colpisce Nic mentre rincorre un avversario 2 volte nella stessa azione con un pallone che non è quello di gioco. Poco dopo testata tra Matteo e la loro pertica, col nostro n.20 che rimedia un bernoccolo gigante e deve uscire a ghiacciarsi. Negli ultimi 5 minuti la partita è una bagarre con azioni confusissime da ambo le parti, ma il fortino regge e finisce coi cani che tornano a cuccia.

Bravissimi tutti. Spesso riusciamo a sopperire alle assenze (stavolta Michi, Mike e volendo anche Nico…) per la rosa ampia e per la bravura dei saltuari. Oggi abbiamo reso facile una partita che facile non era, complicandocela un po’ alla fine, ma evidentemente a noi piace così. E finchè si vince va bene anche così.

Stavolta la nebbia non c’era, era solo nel cellulare di Nic per il video vittoria nello spogliatoio. Per fortuna lo spumante offerto dal Generoso Presidente era ottimo e andava giù alla grande.

Buone Feste a tutti, adesso “è ora di taffiare in Santa pace” (cit. anonimo).

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

3 punti nella nebbia

IMG_20171215_123234

7^g: 4D PAVIMENTAZIONI-GLI SHURTATI 7-6 (Giov 14/12 ore 22 Zoni)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Michi, Trofeo, Marco, Nico, Massi

Out: Beppe, Nic, Mike, Melo

Marcatori: 4 Nico, 2 Marco, Trofeo, 6 SHURTATI (ordine a vs.piacimento)

Tredici gol nella sfida serale tra il Real4D e gli Shurtati.

L’ha spuntata il Real al termine di una partita rocambolesca e incredibile, dentro una nebbia che ci ha accompagnato fin dal riscaldamento.

Andiamo con ordine.
Agli annunciati forfait di Nic, Beppe e Mike, si aggiungono nelle ultime ore quelli di Melo e Teddy (chiamato troppo tardi), per cui ci presentiamo in 7 fissi + Nico.
Nel riscaldamento siamo schierati così: Gino si rompe i maroni dopo 3 minuti e gliela da su (“son già stanco, neanche con mister Bellei mi scaldavo così tanto!”; Manzi si intrattiene a parlare di tattica col Mister come due umarells al bar la domenica mattina; il Burbero fa una corsetta fino ad Anzola; Michi e Marco si cercano, c’è sintonia, gioco di sguardi, “come stai?” “dove lavori?” “ci vediamo a pranzo” “ti aspetto” “metti giù prima tu” “no dai prima tu” e alla fine si fidanzano. Ricky ride e scherza talmente tanto che finisce la scorta di sorrisi prima della partita, una volta in campo s’incazzerà anche col guardialinee. Nico già sente la peperonata riproporsi “Forse non ho fatto bene a mangiare 20 minuti fa, eh!?”. Per fortuna però che c’è il Conte che ci fa fare bella figura scaldandosi e stretchandosi come se non ci fosse un domani.

Al pronti via, cambiamo la maglietta perché gialli contro verdini fosforescenti non si può proprio vedere. Quindi torniamo tutti al bianco blu tranne Ricky che si accontenta del kway di Ginone di 3 misure più grande.
E qui comincia la partita, la giravolta di gol e di emozioni di cui ricordo il giusto.
Nei primi 2 minuti andiamo avanti 2-0 con Nico e Marco, e quindi ci rilassiamo e ci accendiamo una paglia atteggiandoci da fighi.
Loro capiscono che siamo dei cretini e in 5 minuti ribaltano il risultato. 2-3.
È ancora Marco (credo) che ristabilisce il pareggio da distanza ravvicinata. 3-3.
Poi andiamo avanti con Ricky, complice un’indecisione del portiere degli Shurtati. 4-3.
E un minuto dopo loro pareggiano 4-4
Poi 5-4 per noi, e un minuto dopo loro pareggiano 5-5.
Poi 6-5 per noi, e un minuto dopo loro pareggiano 6-6.
Poi 7-6 per noi e basta.

Vabbè, descritta così non rende granché, ma effettivamente a parte i duemila gol non è che ricordo molto altro.
Ricordo Gino che a 1′ dalla fine ci mette la faccia per parare un tiro ravvicinato e il Burbero che nel recupero con una scivolata alla Cannavaro blinda il risultato finale. Ricordo loro che dal centrocampo in su non sono niente male, bei fraseggi e tanta corsa.
Poi ricordo un Miki a tutto campo e un golasso di Nico con un sinistro di prima intenzione sotto al sette. Ricordo la nostra fase difensiva, ma cerco di dimenticare. Ricordo un tiro di sinistro di prima intenzione del Conte, finito alto. E ricordo la nostra fase difensiva, ma cerco di dimenticare. Ricordo ottime triangolazioni tra Nico, Marco e Ricky. E ricordo la nostra fase difensiva, ma cerco di dimenticare.
3 punti d’oro, un video nello spogliatoio e per stasera bene così.

Adesso pensiamo solo a farci un bel regalo di natale la settimana prossima, magari cercando di recuperare qualche assente.

#forzareal4d

Paolo

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Gli scongiuri non bastano

6 gli scongiuri non bastano

6^g: 4D PAVIMENTAZIONI-N’GUADICI FC 1-3 (p.t.1-0) (Merc 6/12 ore 22 Pallavicini)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Mike, Melo, Trofeo, Beppe, Nic, Michi, Marco

Out: Massi (riposo)

Marcatori: Melo, 3 N’GUADICI

PALLAVICINI – Non ho molta voglia di fare la cronaca di sta partita perchè ancora mi girano i maroni. Abbiamo perso 3-1 contro la prima della classe. Ragazzi del ’96, quel lontano ’96 quando la maggior parte di noi era già maggiorenne, qualcuno già da un bel po’ per giunta.

Il campo è quello della Pallavicini. Noi siamo tutti presenti tranne il capitano che per motivi lavorativi ha deciso di rimanere a guardarla dalla tv.

Pronti via e andiamo in gol. E’ il redivivo Melo che la mette di precisione sul secondo palo dopo una bella combinazione tra Beppe e Ricky.

La partita è frenetica. Complice il campo piccolo e scivoloso, le occasioni fioccano come nespole (cit. Biscardone).

E se è vero che loro prendono il palo su un rimpallo fortunoso e che Gino salva il risultato in un paio di occasioni, è altrettanto vero che noi sbagliamo il gol del 2-0 in almeno 3 occasioni.

L’arbitro fischia tutto, ogni minimo contatto, ma sempre con qualche secondo di ridardo.

Loro sono simpatici come le televendite di Mastrota, ma corrono come levrieri.

Il primo tempo finisce 1-0 per noi, ma sappiamo che il secondo tempo sarà lungo più o meno il doppio.

La seconda frazione di gara si apre come si era chiusa la prima. Gino chiude la porta e davanti sprechiamo troppo.

Il pareggio purtroppo è nell’aria e arriva puntuale come la scadenza della Tari.

Mike scivola a centrocampo e loro ne approfittano: tiro da lontano e Gino è battuto. 1-1 e loro esultano come per una finale di champions.

Noi avremmo l’occasione di tornare avanti subito, ma sbagliamo la duecentosessasettesima conclusione a rete (il loro portiere o è un fenomeno o deve comprare dei gratta e vinci che è il suo momento).

E sul capovolgimento di fronte c’è un flipper nella nostra area e la palla arriva all’unico dei loro libero a 1 metro dalla porta. 1-2.

In panchina volano Madonne.

Hanno l’occasione di chiuderla su rigore (c’era dai…) ma Gino stasera è in formissima e ribatte la conclusione alla Garella.

Poi è il turno di Beppe che viene abbattuto dentro l’area, ma l’arbitro incredibilmente lascia proseguire.

Sbagliamo altri gol e il loro portiere si supera in un paio di occasioni.

E poi la chiudono 1-3 proprio mentre noi cerchiamo in tutti i modi il pareggio.

Vabbè, è andata così. Abbiamo dimostrato che ce la possiamo giocare tranqullamente anche contro i primi.

Poteva finire in modo diverso, ok.

Ma il campionato è ancora lunghissimo e bisogna già pensare alla prossima settimana.

#forzareal4d

Paolo

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Clamoroso allo Zoni!

5 clamoroso allo Zoni!

5^g: ASD EYJAFJALLAJOKULL-4D PAVIMENTAZIONI 1-7 (p.t.1-4) (Lun 27/11 ore 21 Zoni)

Convocati: Luca, Manzi, Matteo, Michi, Marco, Trofeo, Massi, Nic, Nico

Out: Beppe (impegni sportivi, 1 ora), Mike (impegni familiari, 3 ore), Melo (caviglia, 1 settimana), Gino (boh)

Marcatori: Michi, Trofeo, Nico, Nico, EYJA, Michi, Trofeo, Michi

ZONI – “Cumpà sto tornando, vedi che mi tesseri”… Parole incomprensibili per qualunque Google traduttore, ma attese da un tempo che pareva infinito e che arrivano solo venerdì scorso, tra l’altro alla vigilia di una partita che dovevamo vincere ma non sapevamo come, viste le concomitanti assenze di Gino, Beppe, Melo e all’ultimo perfino Mike. Se al posto del panterone c’è l’ottimo e sempre pronto Luca, al posto degli altri 3 non c’è nessuno, perché anche il generoso Teddy stavolta è out.

In teoria saremmo 8 e immaginate che, portiere a parte, il più giovane in campo è Michi, che da quando gioca con noi compie gli anni 2 alla volta. Ma quello del trottolino che sfoglia depliant sulla panca del Real è ormai solo un vecchio ricordo. Quando mister Paolo annuncia “oggi abbiamo un nuovo saltuario…” e Nico varca la porta dello spogliatoio, Michi esulta come se avesse segnato una tripletta, quella che in effetti segnerà e che si accompagna alla doppietta del nostro ex n°10 e a quella di Trofeo, che però ormai per lui non è più una novità (terza consecutiva, mentre 2 sono le statuette di fila di miglior in campo CSI).

4D carico a mille e poco importa se siamo già stanchi per la mezz’ora abbondante di riscaldamento causata dal solito ritardo della partita precedente.

Pronti via, assist di Ricky per l’arrembante Michi che di sinistro in corsa fa 1-0. Gli islandesi lottano e vogliono metterci in difficoltà, ma Trofeo sulla destra dribbla l’avversario diretto e buca ancora la porta (2-0). Scippo di Nic ad un difensore che ha la verve di un ultracentenario, palla che finisce a Nico che si invola in porta e segna. Baci e abbracci a cani e porci per un gol che mancava da un anno e mezzo e gratificazione della dirigenza per il tesseramento a tempo di record che vale il 3-0. Poco dopo cross dalla sinistra (Marco?), testa di Nico nell’angolino e sono 4! Apoteosi.

Sti qua non sono certo fenomeni, ma la volta scorsa in qualche modo han vinto e bisogna stare in orecchio. Appena abbassiamo un attimo la tensione arriva il loro gol: fucilata da fuori area di sinistro, Luca fa quasi il miracolo ma è davvero imparabile. 4-1 e intervallo.

I vulcanici non si arrendono e cercano di metterla sul nervosismo, Bartoli da Castel San Pietro Terme dormicchia un po’ su alcune situazioni, ma noi rispondiamo con ulteriore aggressività e per loro c’è poco da fare. Ottimi gli scambi Marco-Michi-Nico-Trofeo-Massi che portano ad un’infinità di occasioni, mentre dietro reggiamo, grazie anche ad un attentissimo Luca, che per fortuna si dimentica che sta giocando il Benevento.

Sponda di Nico per Michi, gran tiro da fuori e 5-1. Poi c’è gloria per Trofeo e infine ancora per il trottolino, che, come detto, fa tripletta e si porta a casa il pallone. Loro ormai sono scoppiati. Noi potevamo addirittura farne altri (Nico sbaglia da un metro e alla fine dice che ha giocato per la squadra, ma quale??), ma va bene così.

Bravi tutti dal primo all’ultimo perché abbiamo fatto sembrare facile una partita che all’inizio non lo era affatto, anche perché gli assenti (che speriamo di recuperare per il big match della settimana prossima) erano tanti e il pericolo di inciampare è sempre dietro l’angolo.

Visto il buon umore, stasera perfino le docce dello Zoni parevano calde…

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Sulla buona strada

3 sulla buona strada

4^g: 4D PAVIMENTAZIONI-BAR TIPO FOOTBALL DRUNKS 4-3 (p.t.3-1) (Merc 22/11 ore 21 Zoni)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Nic, Michi, Trofeo, Beppe, Massi, Mike, Marco

Out: Melo (caviglia, 1 settimana)

Marcatori: Trofeo, Beppe, BAR TIPO, Massi, BAR TIPO, Trofeo, BAR TIPO

ZONI – Dopo la pausa forzata per le ampie nevicate che ci hanno proibito di affrontare gli Spakkati, il Real 4D si ritrova di fronte i baldi ragazzoni del Bar Tipo Football eccetera eccetera.
Il campo è quello buio in fondo a via Zoni, ma le nuove divise gialle si vedono a meraviglia. Arbitra l’incontro un signore, che nonostante sia nato nel lontano 1948, pare molto più lucido e pimpante di qualcuno dei nostri. Arbitrerà con qualche sbavatura, sì, ma rimanendo sempre uno dei migliori nel suo ruolo.
Al fischio d’inizio il Real schiera Gino tra i pali, linea difensiva a 3 composta da Manzi, Teo e Nic, Michi e Trofeo in mezzo, e bomber Beppe là davanti, mentre Mike, Marco e Max vanno a scaldarsi a bordo campo.
Pronti via e la partita è di una noia mortale. Ritmi lenti. Gli avversari trotterellano e noi dopo un po’ ci adeguiamo. Fino al quarto d’ora non succede nulla.
Mentre il Mister cerca alternative per dare una scossa, i 7 in campo per paura di essere sostituiti improvvisamente si svegliano.
Prima è Ricky che trafigge il portiere avversario con un preciso tiro da distanza ravvicinata, poi è il bomber che si scrolla di dosso a uno a uno tutta la difesa avversaria e ci porta sul 2-0.
Il Real sembra padrone del campo. Abbiamo altre occasioni che non riusciamo a sfruttare e per la più classica legge del calcio, subiamo il gol del 2-1. Tiro di uno dei loro, ribattuta, altro tiro, flipper e la palla arriva proprio a uno del Bar sul dischetto. Gino non può nulla e partita riaperta. Peccato.
Per qualche minuto il Real sbanda ma pochi minuti prima della fine del primo tempo il Conte, senza farsi troppo pregare, riporta la partita sui binari giusti (tocco sotto misura dopo punizione di Mike). Il Capitano sta vivendo una seconda giovinezza. Chapeau!
Musichina dell’intervallo ma non c’è tempo di riposarsi.
Sappiamo che loro sono giovani, che corrono come assassini e soprattutto che vogliono recuperare il risultato. E sopratutto sappiamo che noi caliamo alla distanza. Il secondo tempo in effetti inizia in sofferenza.
Loro accorciano con un altro gol fotocopia del primo (tiro sbagliato dalla fascia che diventa assist per uno che passava di lì per caso). 3-2.
Noi non riusciamo a far partire la manovra, siamo troppo lenti in mezzo al campo dove la loro tenuta atletica sovrasta le nostre bombole d’ossigeno. Ed è solo grazie a un grandissimo Ginone se conserviamo il vantaggio.
Proviamo ad accelerare la frequenza dei cambi per mantenere quanto possibile le forze e Ricky dalla destra spara con cattiveria un missile verso la porta che il loro portiere può solo toccare. 4-2 Real.
Poco dopo il Bar Tipo accorcia di nuovo a seguito di una mischia. Discreta sofferenza nel finale, ma teniamo botta e il fischio finale certifica 3 punti importantissimi.
Bravi tutti e avanti così!
Paolo

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il Real esce dalla nebbia

2 il Real esce dalla nebbia

2^g: THE CRIMINALS-4D PAVIMENTAZIONI 1-4 (p.t.1-1) (Giov 9/11 ore 21 Pallavicini)

Convocati: Gino, Manzi, Nic, Mike, Melo, Trofeo, Beppe, Massi, Michi, Matteo.

Out: Marco (stiramento, 2 settimane)

Marcatori: CRIM, Manzi, Trofeo, Trofeo, Beppe

PALLAVICINI – Si sblocca finalmente il Real al termine di una partita che nascondeva molte insidie. Non sono tanto i 10 gol segnati alla prima di campionato dai Criminals che ci spaventano, quanto la strada per trovare lo spogliatoio e poi la porta d’entrata del terreno di gioco del Pallavicini e soprattutto i proclami di Ginone “al titolo al titolo” sbandierati con grande leggerezza in settimana.

La stessa leggerezza con cui incassiamo il gol dell’1-0 dopo 5 minuti: tiro apparentemente innocuo dal limite dell’area in posizione molto defilata, palla sotto la suola della zampa protesa del panterone e sorci verdi. Manzi riequilibrapresto il match colpendo di testa in rete una rimessa laterale di Mike(!). 1-1 e palla al centro. Campo piccolo, palla che rasoterra non corre, pochi spazi, molte idee ma confuse.

All’intervallo abbiamo già capito che i Criminals sono abbastanza innocenti, ma non siamo ancora riusciti a punirli.

Col passare dei minuti crescono le occasioni mancate d’un soffio e cresce il nostro imbarazzo perché non riusciamo a buttarla dentro contro una squadra giovane sì, ma forte proprio no. Beppe è un portento, si procura una quarantina di occasioni, ma altrettanti sono i gradi della sua febbre e per un motivo o per l’altro non riesce mai a dare la spallata decisiva. Mister Paolo sfoglia il mazzo dei suoi uomini, ma non trova jolly.

Al calare della nebbia Nic, che già da un po’ aveva lasciato il posto a Matteo, inizia a consultare l’almanacco delle statistiche meteo e a snocciolare dati storici originali quanto inutili. Il video che ritrae l’esecuzione di Trofeo dal limite (n-esimo fallo su Beppe) sbugiarda i gufi, ma soprattutto certifica che il 4D è finalmente in vantaggio (1-2). Come forse era prevedibile, a quel punto i gialli si sbloccano mentre i blu si deprimono. Così in contropiede puniamo ancora con Trofeo e poi con Beppe, che corona una prestazione sfortunata ma generosissima col gol di sinistro al volo su perfetto assist di Melo (1-4). Eloquente l’abbraccio gaio da parte di tutti i boys.

Fischio finale. Real sulla buona strada? Presto per dirlo, ma le basi ci sono. Complimenti a tutti, tranne agli spogliatoi del Pallavicini, che oltre ad essere raggiungibili solo col navigatore, hanno pure le docce fredde come lo Zoni.

Nic

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Falsa partenza

1 falsa partenza

1^g. 4D PAVIMENTAZIONI-I BAGAGLI 0-1 (p.t.0-0) (Merc 25/10 ore 21 Cavina)

Convocati: Luca, Manzi, Nic, Michi, Melo, Trofeo, Beppe, Massi, Teddy.

Out: Gino (impegni familiari), Marco (no certificato), Mike (testa), Matteo e ahimè il mister (impegni sportivi…)

CAVINA – Non inizia nel migliore dei modi l’avventura Iron per il Real targato 4D Pavimentazioni. Colpa dello sponsor che non compare sulle maglie (gli altri le hanno simili e dobbiamo rimettere le bianco-blu)? O dell’interminabile riscaldamento/raffreddamento dovuto alla partita precedente (grave infortunio ad un giocatore con ambulanza in campo e ritardo di quasi 1 ora)? O delle assenze di 4 degli 11 fissi (Gino, Matteo, Marco, Mike, per i motivi più disparati) e come se non bastasse anche di Mister Paolo (che preferisce una sconfitta casalinga per 2-1 in un campo grande rispetto ad una per 1-0 in un campo piccolo)?

Nel secondo riscaldamento per fugare la crescente malinconia Manzi perde l’ennesimo pallone blindandolo in un albero del giardino antistante.

Il campo è quello che abbiamo quasi adottato, ma il copione del match non è quello sperato: i Bagagli non sono tali nel vero senso della parola e all’inizio ci mettono un po’ alle corde, ma dopo un palo al secondo giro d’orologio cominciamo pian piano a prendere le misure. La nostra manovra è imbrigliata dai loro difensori e dal loro pressing alto, loro premono ma non sfondano, anche perché Luca è sempre attentissimo tra i pali e nel ruolo di coordinatore della propria area. La partita è molto tattica. E bella quanto le ciabatte che indossa Michi nelle amichevoli estive.

Melo fa a sportellate a metà campo e Beppe fa uguale davanti. Trofeo tenta qualche serpentina e cerca la meta in un paio di calci piazzati da lontano. Se il vecchietto del Cavina non si addormenta è solo per qualche stecca qua e là sugli stinchi e sui garretti che rompe un po’ la monotonia.

Nic -improbo il suo compito di pensare ai cambi e contemporaneamente cercare di reggersi in piedi- cerca di vivacizzare 1) se stesso con qualche urlo e 2) la partita facendo entrare Teddy e Max sulle fasce, ma nonostante il brio della loro giovane e meno giovane età il risultato non cambia fino all’intervallo.

E neanche dopo, ma col passare dei minuti i Bagagli aumentano la loro pericolosità offensiva, anche grazie ad un ritmo che noi sembriamo far fatica a tenere (o forse sembra solo a me, chissà). Nonostante  ciò i tiri in porta bene o male si equivalgono e la partita sembra indirizzata ad un improbabile 0-0.

Al minuto 46 però accade il fattaccio. Non mi ricordo neanche chi, come e perché, ma perdiamo palla in attacco sulla destra. Siamo scoperti e scatta un contropiede fulmineo tipo 3 contro 1, tiro ravvicinato e palla nel sacco nonostante il tentativo di miracolo dell’ottimo Luca.

Reazione d’orgoglio del Real, anzi del 4D: l’occasione del pari capita al Conte Max che si erge protagonista di una carambola/catapulta (credo, io non ho visto un tubo) che in qualche modo l’ottimo portiere dei Bagagli riesce a parare. Fischio finale. Un solo errore madornale ci è costato carissimo. Ci sarà utile la punizione???

Laconico il commento del Presidente dal divano di casa sua “Mporta ‘na sega. Quest’anno si punta ai playoff”. E così sia.

Nic

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Senza categoria | 4 commenti

No, we can’t

18_non finisce qui

18^g: REAL BOLOGNA-GUNNERS 2-4 (p.t.2-1) (LUN 24/4 Cavina ore 21)

Convocati: Gino, Manzi, Matteo, Nic, Melo, Mike, Andrea, Max, Giorgio
Assenti: Trofeo e Michi (ferie), Anto
Marcatori: GUNNERS, Mike, Max, 3 GUNNERS
..

Niente miracoli. 3 punti nel girone d’andata erano oggettivamente pochi per sperare di salvarsi. Troppe assenze nelle 3-4 partite decisive e quest’anno ci dobbiamo arrendere ai numeri.

Nel match di Lunedì 24 aprile (ancora complimenti per la scelta del giorno…), che ci avrebbe salvato il culo (playout) in caso di vittoria, troppe cose sono andate storte:

1) non ci hanno spostato la partita nonostante la richiesta avanzata 2 mesi fa;

2) oltre alle assenze largamente preannunciate di Trofeo e Michi, oltre ai disperati tentativi a vuoto per Matteopunta e Luke, il presunto salvatore Taoufiq tira il pacco a 20 ore dal match e ci lascia in 7 e mezzo, quindi reclutiamo all’ultimo il buon Giorgio che però non giocava dice lui da 4 mesi;

3) i Gunners sono già ai playoff ma, beati loro, giocano alla morte lo stesso;

4) sul vantaggio di 2-1 facciamo una pisciata che non si vedeva da quando la vittoria valeva 2 punti;

5) ecc., ecc., ecc…

La nostra partita comunque è eroica e merita di essere citata. Iniziamo che gli altri corrono come torelli e noi no (quindi come al solito). La nostra esperienza limita i danni, ma al minuto 10 cadiamo perché si apre un piccolo spiraglio e un bianco-rosso ci infila dentro un missile sul primo palo sul quale Ginone nulla può (0-1). Oggi siamo costretti a mettere Mike a centrocampo, quindi fuori ruolo, ma lui se ne fotte. Ad un certo punto, non avendo palloni giocabili, si avvia palla al piede con 2 uomini in groppa, mentre un terzo lo atterra sulla tre-quarti. Punizione missile terra-aria all’incrocio e 1-1. Rischiamo un po’, è vero, ma la difesa in qualche modo tiene (bello il duello tra Matteo e l’arcigno centravanti poppante col 10 sulle spalle). Bel contropiede Andrea-Melo con Antonio18! che entra in area e cerca di beffare la difesa Gunners con un pallonetto in corsa, la boccia sembra uscire alta, poi sembra entrare, poi nella mischia si intravvede il gambone di Capitan Max che con la punta ne cambia la traiettoria e la palla finisce nel sacco! 2-1 col nostro n.8 che incarna al meglio lo spirito del Real odierno ed esulta, ma il giusto, perché sa bene che la partita è ancora lunga e difficile. E così è infatti, ma rispondiamo colpo su colpo e terminiamo il tempo con un vantaggio che dire prezioso è dire poco.

Nella ripresa il Real inizia tenendo bene il campo e arginando le scorribande dei ruvidi avversari. Ma al minuto 5 accade il fattaccio. Su un pallone che rimbalza alto poco oltre la metà campo, troppa incertezza tra i difensori del Real che temporeggiano, fino a quando non decidono di andare insieme sul pallone Matteo e non so chi altro, la marmellata favorisce il puntero Gunners che si invola verso Ginone, costretto a stenderlo. Rigore, 2-2 e partita che cambia clamorosamente.

I Gunners, sostenuti da un tifo grottesco, prendono coraggio e attaccano perché vogliono vincere. Noi stiamo sul pezzo, ma sia Mike sia Andrea sembrano troppo soli là davanti e nonostante Melo si faccia un culo grande come una capanna lì in mezzo, a volte sulle fasce lasciamo inevitabilmente il fianco alle loro folate e “poi non è che possono correre così fino alla fine eh…”. Invece sì, e mentre corrono ci fanno il terzo. La reazione non manca, in panca cerchiamo di immaginarci un 2-3-1 ma non ne troviamo il senso, mentre in campo Mike insegue in pressing i difensori con furia assassina e Matteo dà una mano perfino in fase offensiva. In una di queste circostanze, cross dalla destra, palla che passa in mezzo a tutti e trova libero sulla sinistra Andrea, che solo a 5 metri dalla porta, stoppa perfettamente, mira e tira… Palla in meta e secchi che rotolano misteriosamente in panchina in un silenzio assurdo.

Non è giornata. Nic vanifica malamente l’ultimo disperato tentativo Real buttando direttamente alta non si sa come una punizione da metà campo, mentre l’ultima azione Gunners va invece a buon fine, con la punta che si incunea centralmente nella nostra difesa e la mette nell’angolino. 4-2 Gunners e tutti a casa.

“In queste condizioni non si poteva fare di più”.

“Non tutto il male vien per nuocere”.

“Dai che un anno di Iron ci fa anche bene”.

Tutto vero. Come è vero che risorgeremo.

Nic

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento